Non ce l’ha fatta lo studente del Politecnico di Torino che si era ammalato di tubercolosi. Il giovane, un diciannovenne dello Sri Lanka, con ogni probabilità aveva contratto tempo fa la malattia nel suo Paese d'origine e purtroppo i medici in Italia non hanno potuto salvarlo. Il diciannovenne, matricola di ingegneria informatica nell’ateneo torinese, era ricoverato all’ospedale Amedeo di Savoia, nel reparto di Malattie infettive, da circa tre settimane. A dar notizia del decesso del paziente è l’Asl di Torino in una breve nota: “L'Asl città di Torino – si legge – conferma la notizia del decesso per tubercolosi dello studente del Politecnico. Fatto possibile seppur molto raro. I controlli già previsti ed iniziati, continuano senza che siano emerse criticità”.

Controlli su circa 250 persone: finora non sono emerse criticità – Al Politecnico di Torino circa 250 persone erano state sottoposte agli esami di rito dopo che il giovane si era ammalato, ma non tutti hanno ancora completato i test che dovrebbero finire nel corso della giornata di domani. Un commento dopo la morte del diciannovenne è arrivato da parte del rettore Guido Saracco: “C'è grande rammarico e dolore per questa morte – ha detto – L'Asl sta svolgendo tutti i controlli necessari e c'è piena fiducia nel loro operato”.