Estate finita? Il divertimento continua
17 Ottobre 2017
13:16

Magritte, Duchamp, Dalì: a Bologna la mostra sui rivoluzionari del Novecento

Centottanta capolavori dell’arte raccontano la creatività e l’inquietudine di un secolo a Palazzo Albergati fino all’11 febbraio. Duchamp, Magritte, Dalì, Ernst, Tanguy, Man Ray, Calder, Picabia e molti altri, insieme per raccontare un periodo straordinario.
A cura di Redazione Cultura
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Estate finita? Il divertimento continua

Si intitola "I rivoluzionari del Novecento” e la mostra si inaugura oggi 17 ottobre a Palazzo Albergati, portando in scena nomi fondamentali del Novecento come Marcel Duchamp, René Magritte, Man Ray, Salvador Dalì e Jackson Pollock. Si tratta di 180 opere provenienti dall'Israel Museum di Gerusalemme che saranno esposte a Bologna fino all'11 febbraio, tra i pezzi forti dell'esposizione c'è la celeberrima Gioconda con i baffi di Duchamp.

Una grande mostra dedicata ai nomi del mondo dell'arte che hanno rivoluzionato il Novecento: Duchamp, Magritte, Dalì, Ernst, Tanguy, Man Ray, Calder, Picabia e molti altri, insieme per raccontare un periodo di straordinaria creatività. Tutto contenuto in un museo. L'Israel Museum di Gerusalemme, che per l'occasione si riversa in parte nel capoluogo emiliano, lasciando ai visitatori italiani e ai turisti stranieri della città bolognese la possibilità di ammirare una cospicua parte del suo tesoro.

Dovuta innanzitutto ad Arturo Schwarz – docente, scrittore e poeta milanese – che ha donato la sua vasta collezione di arte Dada, surrealista e pre-surrealista comprendente più di 700 opere che costituiscono la maggior parte della collezione e della selezione di opere in mostra.

Tra i capolavori esposti ci sono Le Chateau de Pyrenees (1959) di Magritte, Surrealist Essay (1934) di Dali, L.H.O.O.Q. (1919/1964) di Duchamp e Main Ray (1935) di Man Ray. L'allestimento è realizzato dall'architetto Oscar Tusquets Blanca, che ha ricostruito a Palazzo Albergati la celeberrima sala di Mae West di Dalì (1934-35) e l'installazione ‘1,200 Sacks of Coal' ideata da Duchamp per l'Exposition Internationale du Surre'alisme del 1938.

Attraverso un percorso tematico, la mostra – curata da Adina Kamien-Kazhdan, senior curator of Modern Art at the Israel Museum – offre una visione completa di questo patrimonio avanguardistico suddiviso in cinque sezioni.

104 contenuti su questa storia
Riccione, lo stabilimento balneare aperto anche d'inverno: "Ecco quanto costa"
Riccione, lo stabilimento balneare aperto anche d'inverno: "Ecco quanto costa"
381.142 di Leila Ben Salah
Jack Kerouac fu anche pittore: in mostra l’altro volto del padre della Beat Generation
Jack Kerouac fu anche pittore: in mostra l’altro volto del padre della Beat Generation
A Milano torna Bookcity: tanti gli eventi dedicati al libro, con Marc Augé e Umberto Eco
A Milano torna Bookcity: tanti gli eventi dedicati al libro, con Marc Augé e Umberto Eco
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni