Le condizioni dello scrittore siciliano Andrea Camilleri, ricoverato ieri mattina all'ospedale Santo Spirito di Roma dopo un infarto restano stabili ma ancora molto gravi. Questo è quanto emerge dal secondo bollettino rilasciato dai medici alle ore 12.00 del 18 giugno. A riferire le ultime informazioni è stato Roberto Ricci, direttore del reparto di cardiologia dell'ospedale romano. La prognosi resta riservata. Il papà di Montalbano, apprezzato in tutto il mondo per la sua saga poliziesca ambientata nell'immaginaria Vigata, è ricoverato in rianimazione da ieri sera, come specificato dal primo bollettino diramato dall'ospedale alle ore 17.00. A quanto risulta dalle ultime informazioni rese note dall'ospedale lo scrittore respira con il supporto meccanico e farmacologico. Il prossimo bollettino sarà diramato alle 17.00.

Andrea Camilleri, il bollettino: "Non è cosciente"

Come ha spiegato ulteriormente il direttore Roberto Ricci, le condizioni di Andrea Camilleri sono stazionarie, ma ancora molto gravi:

Il paziente ha avuto un brusco abbassamento pretorio che ha portato all'arresto cardio-circolatorio. I parametri sono in costante rilevazione e sono condizionati dai supporti meccanici e farmacologici che stiamo istituendo, e che consentono situazioni cliniche stazionarie. I pazienti in assistenza ventilatoria meccanica non sono coscienti.

Tanti i commenti affettuosi che in queste ore hanno riempito i social usando l'hashtag #ForzaAndrea. Scrittori e lettori uniti nel sostegno ad una delle personalità letterarie più amate del mondo. Andrea Camilleri, regista e scrittore, tradotto in 120 lingue, durante la sua lingua carriera ha sempre avuto la capacità di riuscire ad arrivare ai cuori di tutti, senza distinzioni di classe o di genere. La sua serie di romanzi gialli con protagonista il commissario Salvo Montalbano ha ispirato uno sceneggiato televisivo tra i più amati dal grande pubblico. Il suo ultimo lavoro, pubblicato pochi mesi fa da Sellerio, "Il cuoco di Alcyon", non a caso, è primo in classifica. Per quest'estate il maestro ha già diversi appuntamenti in programma, come lo spettacolo "Autodifesa di Caino" alle Terme di Caracalla il 15 luglio. Intanto, il finale della serie di Montalbano è già pronto da più di dieci anni, come rivelato dall'autore in un'intervista rilasciata a Fanpage.it.