Grandi novità per il mercato della grande distribuzione organizzata in Italia. La Catena Conad ha appena annunciato di aver raggiunto un accordo per l’acquisizione della quasi totalità delle attività di Auchan Retail Italia. In base all'intesa tra i due gruppi, la maggior parte dei punti vendita gestiti da Auchan Retail in Italia, vale a dire ipermercati, supermercati e negozi di prossimità con i marchi Auchan e Simply, entreranno ora a far parte della rete Conad. Gli unici punti vendita esclusi dall'accordo sono i supermercati gestiti da Auchan Retail in Sicilia e i drugstore Lillapois, si tratta di 33 supermercati sull'Isola e 50 drugstore. L'accordo inoltre prevede anche che i punti vendita di Auchan Retail presenti nei grandi centri commerciali continueranno ad essere gestiti dalla società Ceetrus.

Anche se le due società interessate hanno già firmato per la cessione delle attività, per diventare operativo l'accordo avrà bisogno del via libera dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a cui sono stati già forniti gli estremi dell'intesa raggiunta. Si tratta infatti della fusione tra il secondo e il quinto gruppo della grande distribuzione organizzata in Italia, destinata a creare così il nuovo leader del settore e a ribaltare gli equilibri finora in campo in questo mercato con possibili effetti per i consumatori.

Conad si avvia a diventare leader della Gdo

"Desideriamo migliorare l'attuale difficile situazione delle attività di Auchan Retail in Italia e permettere a Conad di continuare, attraverso questa acquisizione, il suo ambizioso piano di sviluppo nel Paese", ha dichiarato il presidente di Auchan Retail, Edgard Bonte, annunciando l'accorso. "Siamo soddisfatti di aver acquisito e riportato nelle mani di imprenditori italiani una rete di distribuzione di grande valore, che sta attraversando un periodo di difficoltà ma che ha grandi potenzialità ed è complementare a quella di Conad" ha dichiarato invece l'amministratore delegato di Conad Francesco Pugliese, aggiungendo: "Oggi nasce una grande impresa italiana, che porterà valore alle aziende e ai consumatori italiani".

Con questa acquisizione in effetti la Conad è destinata scalzare la Coop come leader della grande distribuzione organizzata in Italia. Stando ai dati del 2018, infatti, la sua quota di mercato potrebbe salire dal 13% al 19% con un fatturato aggregato che si attesterebbe a 17,1 miliardi di euro. Conad infatti nel 2018 ha generato 13,4 miliardi di euro di fatturato attraverso i suoi 3.300 negozi mentre Auchan ha realizzato 3,7 miliardi di euro di ricavi attraverso i 1.600 negozi a marchio Auchan e Simply. Il gruppo francese era da tempo in difficoltà nel nostro Paese con perdite  che hanno sforato il miliardo di euro.

Sindacati in allerta: "Garantire futuro a 20mila addetti"

Dal punto di vista operativo al momento non è chiaro che fine faranno quei supermercati Auchan e Simply che erano in diretta concorrenza con quelli Conad. Viste le tante chiusure disposte da Auchan in questi ultimi anni con conseguenze dal punto di vista occupazionale, tra i sindacati è già scattata l'allerta. Secondo Filcams  "è assolutamente prioritario attivare rapidamente un confronto con tutti gli attori di questa operazione commerciale per ottenere garanzie sul futuro dei quasi 20mila addetti interessati dal passaggio". "Non è accettabile che questa acquisizione possa determinare esuberi e licenziamenti o anche sensibili peggioramenti delle condizioni attuali di lavoro" concludono dal sindacato.