104 CONDIVISIONI
29 Agosto 2021
13:30

Il conduttore tv Fabrizio Nonis e il figlio aggrediti all’esterno dello stadio dopo Verona-Inter

Sono stati accerchiati e picchiati con calci e pugni da un gruppo di ultras del Verona il conduttore tv Fabrizio Nonis e il figlio 22enne che venerdì si sono recati al Bentegodi per assistere alla partita di campionato tra Hellas e Inter, squadra quest’ultima della quale sono tifosi. La violenza sarebbe avvenuta proprio all’esterno dello stadio ed è costata al gastronomo la perforazione del timpano.
A cura di Chiara Ammendola
104 CONDIVISIONI
Fabrizio Nonis
Fabrizio Nonis

Di una cosa è certo il Fabrizio Nonis, allo stadio di Verona non ci tornerà più. Il ricordo del pestaggio avvenuto venerdì all'esterno del Bentegodi, al termine della partita Hellas-Inter è ancora vivido, così come i lividi e i segni che lui e suo figlio portano sul corpo a causa delle botte ricevute da un gruppo di ultras.

Li hanno aggrediti a pochi metri dalla loro auto mentre tentavano di tornare a casa. Nonis li ha definiti "quindici minuti di terrore", che sono finiti solo quando un anziano, forse insospettito, si è avvicinato per chiedere cosa stesse accadendo. Pochi secondi dei quali il gastronomo che ha alle spalle numerosi programma tv ha approfittato per rimettersi in macchina e fuggire: "Abbiamo fatto qualche centinaio di metri, poi ci siamo fermati e ho chiamato il 118 – ha raccontato in un'intervista rilascia a Corsera a quasi due giorni da quell'aggressione per la quale ha sporto denuncia – volevano picchiare per fare male, hanno lasciato stare chi si allontanava dallo stadio in gruppo e hanno beccato due persone non con corporatura robusta che passavano per strada. La nostra fortuna è stata quella di non reagire. E praticamente nessuno è intervenuto in nostro soccorso".

Secondo quanto raccontato da Nonis infatti, il branco li avrebbe seguiti e poi accerchiati al termine della partita che si è disputata venerdì sera al Bentegodi tra Hellas e Inter. Padre e figlio, tifosi nerazzurri, si stavano recando verso il parcheggio quando un gruppetto di tifosi della squadra avversaria li ha seguiti e poi dopo aver chiesto per quale squadra tifassero li ha aggrediti: dieci, quindici minuti di violenza inaudita per Nonis che è stato buttato a terra e colpito con calci e pugni al volto e sul resto del corpo. E così il figlio 22enne sbattuto sul cofano dell'auto e poi malmenato. Una volta giunti al Pronto Soccorso sono stati visitati e al conduttore televisivo è stata riscontrata la perforazione del timpano. La ricostruzione dell'episodio e le relative indagini sono ora affidate agli agenti della Digos.

104 CONDIVISIONI
Lucrezia Di Prima uccisa dal fratello nel Catanese, gli inquirenti: "Aggredita dopo un litigio"
Lucrezia Di Prima uccisa dal fratello nel Catanese, gli inquirenti: "Aggredita dopo un litigio"
Torino, condominio si rivolta contro la polizia: aggrediti agenti dopo fermo pusher
Torino, condominio si rivolta contro la polizia: aggrediti agenti dopo fermo pusher
Verona, il dramma di Michele: muore a 21 anni dopo una caduta dal baule dell’auto di un amico
Verona, il dramma di Michele: muore a 21 anni dopo una caduta dal baule dell’auto di un amico
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni