Tragedia in Val Senales, in Alto Adige, dove due scialpinisti sono morti travolti da una valanga che si è staccata sopra Maso Corto, a 2.200 metri di quota. Si tratta dell'ex presidente della Cassa centrale Raiffeisen altoatesina, Michael Gruener e della moglie Monika Gamper. Circa cento le persone impegnate nelle ricerche, rese più difficili dalla fitta nebbia.

Valanga in Val Senales: morti due scialpinisti

L'allarme è stato lanciato nella giornata di oggi, domenica 3 gennaio, attorno alle 13.40. Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto la slavina investire un gruppo di scialpinisti. Le prime testimonianze parlavano di un paio persone rimaste sepolte dalla massa nevosa. Le ricerche del Soccorso alpino hanno purtroppo confermato i timori. Nella neve sono stati infatti recuperati due corpi di Michael Gruener, alpinista esperto, e della moglie Monika Gamper.

Il maltempo ha rallentato i soccorritori

L'intervento dei soccorritori è stato ostacolato dalle cattive condizioni meteorologiche: gli elicotteri di soccorso non hanno potuto levarsi in volo per la fitta nebbia che ostacolava la visibilità. Solo in seguito, quando il meteo è migliorato, sono arrivati sul posto.

Il pericolo valanghe in gran parte dell'Alto Adige, dopo le nevicate di questi giorni, è marcato (grado 3 di 5). Per questo motivo, le escursioni in quota erano sconsigliate. Quasi esattamente un anno fa, il 28 dicembre 2019, una valanga investì alcuni sciatori sulla pista "Teufelsegg" in val Senales, provocando la morte di una donna di 25 e di sua figlia di sette e di un'altra bambina sempre di sette anni, tutte provenienti dalla Germania.