488 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Covid 19

Torna l’incubo Covid in Cina, Shanghai in lockdown per fermare l’avanzata di Omicron

L’aumento dei contagi Covid a Shanghai ha spinto il governo cinese a imporre un nuovo lockdown in tutta la città, il più grande in Cina degli ultimi due anni, dopo quello di Wuhan.
A cura di Chiara Ammendola
488 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Shanghai torna in lockdown. Nella più grande città della Cina l'incubo Covid torna a preoccupare il governo che per questo che imposto una chiusura suddivisa in due fasi: si tratta del lockdown più grande da due anni a questa parte in Cina. L'ultimo risale proprio a inizio pandemia quando la città di Wuhan fu confinata i primi mesi del 2020 per ben 76 giorni a causa dell'alto numero di contagi da Covid-19. Ora, a distanza di più di due anni, nella più grande della Cina, che conta 26 milioni di abitanti, i residenti dovranno rimanere a casa, tutte le attività non essenziali saranno chiuse e il trasporto pubblico sospeso.

Il lockdown diviso in due parti fino al 5 aprile

Nello specifico il lockdown sarà articolato in due parti, uno partirà oggi e durerà fino all'1 aprile e l'altro inizierà l'1 e terminerà il 5 dello stesso mese. Le chiusure della prima parte riguarderanno i distretti a Est del fiume Huangpu che attraversa la città mentre la seconda parte coinvolgerà i distretti a ovest. In questo periodo per tentare di contenere i contagi da Covid tutte le imprese e le fabbriche rimarranno chiuse e ove possibile i lavoratori utilizzeranno lo smart working, il trasporto pubblico sarà sospeso e inoltre tutti gli abitanti saranno sottoposti ai test anti-Covid. "Il pubblico è invitato a sostenere, comprendere e cooperare con il lavoro di prevenzione e controllo delle epidemie operato della città e a partecipare ai test in modo ordinato", ha spiegato il governo in una nota diffusa ieri.

Imprese chiuse, trasporto pubblico sospeso e test Covid per tutti

Shanghai sta affrontando da giorni la risalita dei contagi causata principalmente dalla variante Omicron. Il picco è stato registrato ieri con il più alto numero giornaliero di nuovi contagi dalla prima ondata: 50 ulteriori casi di Covid-19 e soprattutto 3.450 nuovi
asintomatici in aumento rispetto a sabato quando erano 2.631 nuovi casi asintomatici – circa il 60% di quelli dell'intero Paese – e 47 con sintomi. La Cina, invece, ha segnalato a livello complessivo 1.219 ulteriori infezioni trasmesse localmente, secondo gli ultimi
aggiornamenti della Commissione sanitaria nazionale, di cui 1.086 nel Jilin, 50 a Shanghai, 12 nel Liaoning e 10 nel Heilongjiang, mentre la parte residua è suddivisa in 14 regioni a livello provinciale. I tassi di vaccinazione in Cina sono relativamente bassi nelle persone anziane, che sono maggiormente a rischio di malattie gravi.

488 CONDIVISIONI
32802 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views