341 CONDIVISIONI
23 Settembre 2021
10:06

Torino, bullizzava il compagno di classe disabile: la coetanea lo smaschera in un tema

Bullizzava un compagno di classe disabile proprio all’interno dell’istituto nel Torinese. Lo ha smascherato un’altra coetanea tramite un tema svolto in aula. I fatti risalgono al 2015: l’aguzzino 12enne picchiava e umiliava quotidianamente il compagno disabile al 100%. Condannati anche l’insegnante di sostegno e di potenziamento per non aver vigilato sulla classe.
A cura di Gabriella Mazzeo
341 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio.
Immagine di repertorio.

Umiliazioni quotidiane, insulti, botte e non solo: spesso e volentieri sputava sul suo bicchiere e sulle sue cose. A svelare i soprusi di un bullo sul suo compagno di classe disabile, il tema di una ragazzina di 12 anni iscritta a un istituto di Torino. La denuncia ha portato a processo anche gli insegnanti di sostegno e potenziamento: l'accusa è quella di concorso in atti persecutori per omesso controllo. Il bullo avrebbe agito nel 2015 con vessazioni quotidiane continue nei confronti del compagno di classe affetto da encefalomacia. Il ragazzino era solito picchiare il coetaneo invalido al 100% e dunque impossibilitato a difendersi. "Non è vero che siamo tutti uguali – scriveva la ragazzina autrice della denuncia nel suo tema -. C'è chi si approfitta degli altri". Subito dopo, raccontava i soprusi subiti dall'amico disabile.

Spesso veniva costretto a muovere gli arti fino a farsi male. Il bullo poteva agire incontrastato poiché gli insegnanti di sostegno, così come quelli di potenziamento, spesso lasciavano la classe da sola oppure "passavano tempo al cellulare", come testimonia la ragazzina autrice del tema. L'aguzzino allora 12enne picchiava il compagno durante l'intervallo davanti ai compagni di classe che però erano troppo spaventati per denunciare ai docenti quanto accadeva. Del resto, secondo quanto raccontato dalla studentessa al quotidiano La Stampa, parlare con un insegnante era quasi impossibile: quasi sempre, infatti, gli studenti restavano da soli oppure avevano margine di movimento illimitato davanti ad adulti distratti dai cellulari. Il docente di sostegno ha patteggiato una condanna a un anno di reclusione mentre quella di potenziamento ha deciso di affrontare un processo. Per lei il pubblico ministero Mario Bedoni ha chiesto una condanna di 1 anno e 6 mesi per non aver vigilato sugli adulti. "Al primo anno di prova senza formazione sulla gestione di alunni con disabilità, non era un'insegnante di sostegno – ha sostenuto il legale della donna -. La mia assistita è arrivata nell'istituto per arricchire l'offerta formativa con un progetto sulla legalità ed è stata affiancata a un professore di sostegno. Si tratta di una gestione distorta delle risorse umane".

Sentito come testimone durante il processo, il ragazzo allora 12enne ha chiesto scusa alla madre della vittima che si è costituita parte civile nel procedimento. In una lettera ha ammesso: "Ho fatto cose orrende e chiedo scusa a tutti". La ragazzina che invece ha permesso di svelare quanto stesse accadendo nell'istituto, invece, ha detto di averlo fatto per iscritto per paura di non trovare l'appoggio dei suoi compagni di classe.

341 CONDIVISIONI
Picchiato davanti scuola, Emanuele torna in classe con i carabinieri: nessun compagno ad accoglierlo
Picchiato davanti scuola, Emanuele torna in classe con i carabinieri: nessun compagno ad accoglierlo
Emanuele torna a scuola dopo il pestaggio e non lo accoglie nessuno: "Ci aspettavamo più calore"
Emanuele torna a scuola dopo il pestaggio e non lo accoglie nessuno: "Ci aspettavamo più calore"
Una Fiat 500 nel Po: l'opera d'arte di Nazareno Biondo
Una Fiat 500 nel Po: l'opera d'arte di Nazareno Biondo
386 di Super Viral
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni