Una donna di 73 anni è stata azzannata in casa dal rottweiler del figlio e ha perso una gamba. Il tutto è accaduto a Marina di Ginosa, ma non si sa perché l'animale abbia attaccato. La donna era abituata alla presenza del cane poiché vive in casa con il figlio. La 73enne ha subito l'amputazione della gamba destra per le gravi lacerazioni procurate ed è ancora in condizioni critiche. L'operazione chirurgica è stata eseguita all'ospedale Santissima Annunziata di Taranto dove la donna è stata ricoverata dopo l'intervento dei carabinieri e dei soccorsi.

Sul posto sono intervenute anche le guardie ecozoofile di “Fareambiente” e gli operatori dell’Asl, che ora stanno valutando cosa fare con l'animale, ora rinchiuso in una gabbia nel recinto di casa. La donna vive col figlio in un'abitazione con due rottweiler. La 73enne in quel momento si trovava da sola con i cani, un maschio e una femmina quando improvvisamente il primo l'ha azzannata. L'attacco è stato tanto forte da procurarle la rottura dell'osso della caviglia.

A salvarla da conseguenze ancora più gravi è stato un ragazzo che passava di là e che ha avvertito il proprietario del cane, figlio della donna aggredita. Lui è intervenuto per aiutare la 73enne e salvarla dalla morsa del cane. Non è ancora chiaro il motivo dell'aggressione, né è noto se l'animale vivesse in cattività o in condizioni di disagio. La donna, però, ha sempre convissuto con i due cani e fino a qualche giorno fa non vi erano stati, a quanto pare, episodi analoghi di aggressività.

La donna avrebbe potuto subire conseguenze molto più gravi se il ragazzo che si trovava nei pressi dell'abitazione non avesse avvertito il proprietario dei due cani. La 73enne si trova attualmente ancora in ospedale e le sue condizioni, secondo quanto si apprende, restano comunque gravi.