zanzara pestifera

Dopo il primo allarme nei giorni scorsi, si estende il rischio per un virus mortale che colpisce il cervello trasmesso dalle zanzare. Negli Stati Uniti i primi casi erano stati scoperti nello stato della Florida e avevano colpito alcuni animali. Ora interviene anche il Massachusetts Department of Public Health, evidenziando il pericolo in 7 città. Il virus, che colpisce il cervello con edema e infiammazione, è quello dell'encefalite equina orientale (Eee) e quest'anno è già stato rilevato in 92 campioni di zanzare nello stato del Massachussets. Fra questi, circa un terzo risultava idoneo per tramsettere il virus all'essere umano, anche se al momento negli Stati Uniti non si sono ancora registrati casi.

Monica Bharel, commissario alla salute pubblica, ha scritto in una nota: "Abbiamo elevato il livello di rischio, perché c'è più attività di quella che registriamo di solito, e in un periodo precoce della stagione". Catherine Brown, epidemiologa, ha invece sottolineato: "Prendiamo l'Eee molto sul serio, e quest'anno siamo preoccupati". Secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention, ogni anno negli Stati Uniti si registrano circa 7 casi di Eee. Il virus per l'uomo è fatale, uccidendo circa il 30% dei pazienti che lo contraggono. In caso di sopravvivenza si registrano comunque problemi neurologici. I sintomi sono mal di testa, febbre alta, vomito e diarrea, che possono portare al coma. Le autorità sanitarie loclai hanno avverito la popolazione, suggerendo di proteggersi con repellenti, abiti coprenti, installando zanzariere a porte e finestre ed evitando di lasciare acqua stagnante nelle vicinanze delle case.