219 CONDIVISIONI
5 Giugno 2022
22:05

Sorelle a loro insaputa, dopo settant’anni si possono abbracciare

Eugenia e Gin, una italiana e l’altra britannica, si sono incontrate dopo oltre settant’anni in cui non hanno saputo di essere sorelle. La storia a lieto fine, grazie alla figlia di Gin, è terminata con una festa nel piacentino.
A cura di Tommaso Coluzzi
219 CONDIVISIONI

Sorelle a loro insaputa. È la storia di Eugenia e Gin, la prima vive a Calendasco, nel piacentino, la seconda nel Regno Unito. A raccontare la loro storia è stato il quotidiano di Piacenza, Libertà, che ha testimoniato l'incontro dopo che per oltre settant'anni le due donne non hanno saputo dell'esistenza dell'altra. Tutto è cominciato quanto Clare, figlia di Gin, ha iniziato a cercare con pazienza informazioni sulla storia del nonno, praticamente sconosciuta. È partita dai pochissimi indizi che aveva a disposizione su Renato Labò, nato nel 1920, che aveva combattuto a El Alamein dove era stato fatto prigioniero dagli inglesi.

Dopo l'armistizio Labò cominciò a lavorare in una fattoria, dove si innamorò della figlia dei proprietari. Dal loro amore nacque Gin, anche se Renato non lo seppe mai, perché la guerra finì e lui tornò in Italia dove mise su famiglia. A quel punto la giovane madre di Gin decise di portare avanti la gravidanza e crescere la figlia da sola, cancellando il ricordo dell'uomo che era tornato in Italia. La sorella della donna, però, conservò una foto e annotò il nome e cognome di Renato.

Così Clare ha portato a termine le sue ricerche, che sono durate anni, fino a riuscire a contattare la famiglia di quello che una volta era stato un prigioniero italiano. E in questi giorni è arrivato il lieto fine: le due donne, Gin ed Eugenia, si sono incontrate e si sono potute abbracciare per la prima volta. Il faccia a faccia, in verità, era organizzato da tempo, poi il Covid ha fatto rimandare ancora l'appuntamento storico per le due donne. Ora, però, le sorelle hanno potuto trascorrere la settimana insieme nel piacentino, a cominciare da una grande festa in trattoria a cui ha partecipato anche il sindaco di Calendasco.

219 CONDIVISIONI
Sorelle travolte dal treno, la scuola pubblica i disegni di Alessia:
Sorelle travolte dal treno, la scuola pubblica i disegni di Alessia: "Addolorati e smarriti"
L’ultimo saluto alle sorelle uccise dal treno a Riccione:
L’ultimo saluto alle sorelle uccise dal treno a Riccione: "Non ci lasceremo sbriciolare dal dolore"
Cos'è successo alle sorelle travolte dal treno a Riccione, un testimone:
Cos'è successo alle sorelle travolte dal treno a Riccione, un testimone: "Una voleva salvare l'altra"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni