È stato pubblicato un nuovo richiamo sul sito Salute.gov: è stato ritirato dal commercio un lotto di diverse salsicce del Salumificio Coletti Pierino & C. Snc a causa di un rischio microbiologico. La data di pubblicazione dell’allerta è quella del 22 marzo 2021, mentre sugli avvisi di richiamo la data dei controlli veri e propri è quella del 19 marzo 2021. In tutti i prodotti interessati dal richiamo (si parla di salsicce sfuse, salsicce mignon sfuse, salsicce piccanti sfuse, salsicce pastin) il marchio del prodotto è Salumificio Coletti Pierino & C. Snc, mentre sia il nome o ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è commercializzato che il nome del produttore è Salumificio Coletta Pierino & C. Snc, – O.S.A. Coletti Corrado con sede dello stabilimento in via Pinzano, 16 – 33030 Forgaria nel Friuli (UD). Il marchio di identificazione dello stabilimento/del produttore è CE IT 9 175 L. Il lotto di produzione interessato dall'allerta alimentare è 21072. La data di scadenza o termine minimo di conservazione è quella del 21 marzo 2021.

Il motivo del richiamo è un rischio microbiologico, cioè la presenza di Salmonella in una unità campionaria su cinque. Per questo motivo nelle avvertenze i consumatori in possesso del lotto oggetto del richiamo sono invitati a non mangiare questi prodotti specifici e a riportarli presso il punto vendita di acquisto.

Numerosi sono stati i richiami di prodotti alimentari per la possibile presenza di salmonella nei mesi più recenti. L'ultimo è quello riguardante un lotto di salame a punta di coltello del Salumificio A. Lovison SPA con sede dello stabilimento in via Ugo Foscolo 1 a Spilimbergo (PN). In precedenza era stato richiamata una salsiccia abruzzese appassita piccante a marchio Tavola Italia. A ottobre è toccato al salamino Artysan Fuet 175 grammi e il Salamino Artysan Fuet Extra, entrambi prodotti e confezionati dalla ditta ALEJANDRO MIGUEL S.L. nel proprio stabilimento di Nalda, nella comunità autonoma di La Rioja, in Spagna.