Un turista di 38 anni originario di Salerno ma residente a Bareggio, in provincia di Milano, è stato arrestato domenica pomeriggio dai carabinieri a Lido Adriano, sul litorale ravennate, per un furto al chiosco di piadina teatro martedì scorso di un omicidio. Dal momento che la struttura risultava sotto sequestro, il 38enne, come riportato dalla stampa locale, è stato accusato pure di violazione di sigilli.

Stando a quanto accertato dai militari l'uomo ha rubato un materassino gonfiabile, ora di nuovo sotto sequestro. L'oggetto – di scarsissimo valore – apparteneva alla coppia che gestiva quel chiosco – la 51enne Maila Conti originaria di Milano e il 61enne Leonardo Politi come la donna residente a Travo (Piacenza) – e veniva utilizzato in maniera alterna come giaciglio di fortuna durante le frequenti discussioni fino a quando lei, proprio nel chiosco, ha ucciso lui con un fendente all'addome sferrato con un coltello da cucina. Il 38enne ieri mattina, dopo essersi scusato per l'accaduto, al termine del rito abbreviato è stato condannato a quattro mesi di reclusione con pena sospesa.

Stando a quanto accertato il delitto si è consumato al termine di un furioso diverbio iniziato nel chiosco, dopo il quale i due si sarebbero spostati in un bar vicino continuando la lite, per poi fare ritorno nella loro attività dove improvvisamente la donna avrebbe impugnato un coltello e colpito l’uomo con un solo fendente. La vittima avrebbe tentato di uscire e salire sulla sua auto, ma dopo pochi passi sarebbe caduta a terra priva di sensi. A quel punto la donna, resasi conto del suo gesto, avrebbe cercato aiuto e un passante che ha lanciato l’allarme. Inutile la corsa in ospedale, dove poco dopo il 61enne è morto. L'uomo lascia tre figlie. A quanto pare la lite tra i due era scoppiata per ragioni passionali.