632 CONDIVISIONI
Covid 19
16 Ottobre 2020
10:19

Quali sono le regioni in cui tra un mese le terapie intensive rischiano di andare in crisi

Se non si conterrà la diffusione dei contagi i reparti di terapia intensiva degli ospedali di dieci regioni italiane rischiano di entrare in forte affanno il prossimo mese. A dirlo il monitoraggio settimanale condotto dal ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità, secondo cui sussiste un  rischio alto per la tenuta delle rianimazioni in Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria e Valle d’Aosta.
A cura di Davide Falcioni
632 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

I reparti di terapia intensiva degli ospedali di dieci regioni italiane rischiano di entrare in forte affanno il prossimo mese se non si riuscirà a contenere la crescita dei contagi. A dirlo il monitoraggio settimanale condotto dal ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità, secondo cui sussiste un  rischio alto per la tenuta delle rianimazioni in Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria e Valle d'Aosta. Secondo il dossier del governo e dell'Iss le terapie intensive di questi territori hanno una probabilità – passata da alta a massima – di superare la soglia del 30% di occupazione da pazienti Covid nel prossimo mese. Le regioni segnalate con il livello più alto di rischio per questo parametro sono la Lombardia e la Liguria. Per quanto riguarda la settimana dal 5 all'11 ottobre "si è osservato un importante aumento nel numero di persone ricoverate (4.519 vs 3.287 in area medica, 420 vs 303 in terapia intensiva nei giorni 11/10 e 4/10, rispettivamente) e, conseguentemente, aumentano i tassi di occupazione delle degenze in area medica e in terapia intensiva, con alcune Regioni/PPAA sopra 10%in entrambe aree". Ciò è accaduto a causa di "un'accelerazione nell'evoluzione dell'epidemia, ormai entrata in una fase acuta con aumento progressivo nel numero dei casi" e con "evidenze di criticità nei servizi territoriali.

L'appello di governo e Iss: "Indossate mascherine ed evitate assembramenti"

Per questa ragione Ministero della Salute e Istituto Superiore della Sanità fanno "appello alla popolazione di rispettare con coscienza e precisione tutte le norme di precauzione previste". Viene raccomandato in particolare di rispettare il distanziamento fisico e l'uso corretto e appropriato delle mascherine e inoltre "di evitare quanto più possibile situazioni che possano favorire la trasmissione quali aggregazioni spontanee e programmate per evitare un ulteriore peggioramento che potrebbe richiedere restrizioni territorialmente diffuse".

In Italia quasi 5mila focolai

Attualmente in Italia sono attivi 4.913 focolai, 1.749 dei quali individuati tra il 5 e l'11 ottobre, con un aumento dei focolai in ambito scolastico, anche se la trasmissione intra-scolastica rimane complessivamente limitata. "Il virus oggi circola in tutto il Paese" e a livello nazionale l'indice di contagiosità Rt è di 1,17, calcolato sui casi sintomatici. Nella settimana presa in esame è stato osservato un importante aumento dei casi, che dal 28 settembre all'11 ottobre ha portato l'incidenza cumulativa a 75 per 100.000 abitanti, contro i 44,37 per 100.00 del periodo compreso fra il 21 settembre e il 4 ottobre. In 16 Regioni e nelle 2 Province autonome di Trento e Bolzano il valore dell'indice di trasmissibilità Rt è sopra l'1. Il valore più alto si registra in Valle d'Aosta (1.53), seguita da Piemonte (1.39) e Provincia autonoma di Bolzano (1.32). Tre le Regioni con Rt pari a 1 o sotto 1. Si tratta di Basilicata (1), Calabria (0.94), Molise (0.83).

632 CONDIVISIONI
28304 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni