Quella che andrà dal 22 al 28 marzo sarà una settimana dalla due facce per l'Italia. Fredde correnti settentrionali insisteranno sulla Penisola tra lunedì e martedì con temperature che soprattutto sul versante adriatico e al Sud rimarranno sotto le medie stagionali. Il clima dunque rimarrà invernale sull'Italia in questa prima parte di settimana, ma entro la fine di marzo c'è da aspettarsi un radicale cambiamento nel regime delle correnti, come riportano gli esperti de IlMeteo.it.

Previsioni meteo della settimana

La giornata di lunedì 22 marzo sarà ancora caratterizzata dal maltempo: si sentiranno ancora gli effetti di un ciclone che già in queste ore la sta facendo da padrone su buona parte dell'Italia. In particolare ci aspettiamo temporali su settori tirrenici della Sicilia, della Calabria, ma la pioggia non sarà da escludere pure su Puglia, Basilicata, Campania, Abruzzo e Molise. Viste le temperature ancora particolarmente basse, la neve cadrà fin verso i 200/300 metri di quota, specie sul versante adriatico e in Lucania. Da sottolineare che il vortice sarà alimentato da forti venti dai quadranti settentrionali, con raffiche di burrasca, specie sulle due Isole maggiori, sul basso Tirreno e sul medio e basso Adriatico. Sul resto della Penisola si vedrà tuttavia una situazione di maggiore stabilità: ci sarà il sole, anche se temperature saranno ancora basse, specialmente di notte e al primo mattino, quando potranno addirittura verificarsi delle gelate sulle pianure del Nord e nelle zone interne del Centro. A Torino, Milano, Bologna e Firenze sono attese minime intorno agli 0/-1°C.
Martedì 23 il vortice si allontanerà verso levante, innescando gli ultimi rovesci temporaleschi sulla Sicilia con nevicate oltre gli 850 metri.

Da mercoledì la situazione cambia

La svolta dovrebbe arrivare da mercoledì 24 marzo con un deciso cambiamento nel regime atmosferico: l'influsso dell'anticiclone tornerà a farsi sentire sul bacino del Mediterraneo, garantendo una maggiore stabilità atmosferica e più sole anche sul nostro Paese per il resto della settimana. In questo contesto le temperature tenderanno ad aumentare decisamente riportando un clima più mite.

Torna l'alta pressione, ma non durerà a lungo

Verso la fine di marzo si prevede un ritorno dell'alta pressione con tempo in buona parte soleggiato. Condizioni meteo che però rischiano di durare solo una manciata di giorni: dal Nord Atlantico, infatti, dovrebbe arrivare un'ulteriore perturbazione, in grado di movimentare oltremodo l'atmosfera, riportando piogge e temporali sul nostro Paese verso il periodo di Pasqua.