Un uomo di 62 anni è stato denunciato dalla questura di Pisa con l’accusa di violenza sessuale ai danni di una minorenne. Secondo quanto viene riportato, l’uomo avrebbe rivolto degli apprezzamenti a sfondo sessuale alla figlia della compagna, di soli 16 anni. La donna aveva avuto la ragazza da un’altra relazione. Non solo, perché il 62enne – di origine filippina – ha anche palpeggiato la ragazza più volte. Proprio la vittima, per sfuggire alla violenza perpetrata dall’uomo, si sarebbe chiusa in camera a chiave, scappando così dai tentativi di approccio molesto.

Una volta che la madre è rientrata in casa, la ragazza ha potuto così accusare l’uomo, raccontando quanto era successo. A quel punto gli agenti della questura sono andati nell’abitazione, che si trova a Pisa, per gli accertamenti. L’uomo, dopo gli episodi raccontati dalla ragazza, è stato denunciato con l’accusa di violenza sessuale. La 16enne, invece, è stata collocata in una struttura protetta, su decisione presa d’intesa con la procura della Repubblica di Pisa e quella del tribunale per i minorenni di Firenze. La scelta è stata presa per permettere alla giovane di allontanarsi dal contesto familiare e garantirle una maggiore serenità in attesa di chiarire completamente quanto avvenuto.

I fatti, secondo quanto riportano i giornali locali, sono avvenuti nella giornata di Natale, il 25 dicembre. L’uomo sarebbe stato sorpreso dalla compagna, al suo ritorno, mentre provava a compiere atti di violenza nei confronti della figlia. Sul posto è intervenuta la polizia, portando poi tutta la famiglia in questura. La donna è madre di due figli, avuti da un altro uomo. È stata ascoltata insieme alla figlia ed entrambe avrebbero accusato l’uomo, che non ha però ammesso quanto avvenuto.