4.518 CONDIVISIONI
5 Agosto 2022
16:00

Pamela, l’infermiera campionessa di boxe è cittadina italiana: “Ora posso dire che questa è casa mia”

Pamela Malvina Noutcho Sawa, infermiera a Bologna e campionessa di boxe nel 2021 ha ricevuto la cittadinanza italiana dopo 22 anni in Italia. “Ora posso dire finalmente ad alta voce che questa è casa mia”.
A cura di Chiara Ammendola
4.518 CONDIVISIONI
Pamela Malvina Noutcho Sawa (foto Matteo Lepore)
Pamela Malvina Noutcho Sawa (foto Matteo Lepore)

Dopo 22 anni in Italia, Pamela Malvina Noutcho Sawa ha finalmente ottenuto la cittadinanza italiana. L'infermiera e campionessa di boxe, che vive a Bologna dove si è stabilita da qualche anno, e dove si divide tra il lavoro all'ospedale Maggiore e la passione per lo sport, ha firmato il giuramento da cittadina italiana che ha consegnato al sindaco della città. “Ora mi sento più a casa, è come se la mia identità fosse completa, ora posso dire ad alta voce ‘Questa è casa mia, sono italiana anch'io'”, le parole che la 30enne ha affidato a Fanpage.it.

Arrivata in Italia dal Camerun nel 2000 insieme alla sua famiglia, quando aveva solo 8 anni, Pamela ha vissuto prima in Umbria per una decina d'anni e poi si è trasferita nel capoluogo emiliano per frequentare l'università. È nel 2015 che si è approcciata alla boxe durante un tirocinio svolto all'interno di una struttura dedicata a persona adulte in condizioni di marginalità sociale. Una passione che l'ha portata a diventare, nel 2021, campionessa italiana della categoria 64kg, e ora con la cittadinanza la carriera potrebbe proseguire.

“Ora posso pensare anche di ambire al titolo nazionale, che è una cosa che prima non potevo fare, e dopo quello potrei passare al titolo europeo. Mi si aprono tante porte che prima erano chiuse e sembravano impossibili da aprire – spiega a Fanpage.it – mi sento molto più libera di muovermi e di fare tante altre cose, ora ad esempio posso andare a trovare un'amica che vive in Inghilterra da anni e a cui finora non ho potuto far visita”.

Ma la cittadinanza per Pamela significa soprattutto casa e identità. “Io sono cresciuta qui visto che il Camerun l'ho lasciato quando avevo 8 anni – prosegue nel suo racconto – quindi ho costruito qui la mia identità, la mia vita. E crescere dicendo ‘Ok mi sento italiana' senza però essere realmente riconosciuta come tale fa male, ti fa sentire perso. Con la cittadinanza italiana mi sento a casa, è come se la mia identità fosse completa perché ciò che ho sempre considerato un pezzo di carta in realtà non lo è mai stato: ora posso dire ad alta voce ‘Questa è casa mia, sono italiana anch'io'. E a chiunque mi dica che non lo sono posso mostrargli i documenti che lo dimostrano ”.

E poi l'appello affinché quello della cittadinanza smetta di essere un tema politico per diventare un diritto, così come dovrebbe essere: “Se proprio non vogliono facilitare questo processo per motivi politici, dovrebbero pensare alle generazioni che stanno crescendo e che non avranno una identità, ragazzi che non sanno da dove vengono ma nemmeno sanno in che paese stanno vivendo, non hanno certezze e noi giovani ne abbiamo già poche oggigiorno – conclude – sapere di appartenere a un luogo in qualsiasi posto andrò avrò sempre una casa in cui tornare è fondamentale: un domani se vorrò crescere i miei figli sarà in Italia e ora so di poterlo fare, perché è davvero casa mia”.

4.518 CONDIVISIONI
Incatenati contro la crisi climatica, 5 fogli di via: “Sono di Torino, non posso tornare a casa mia”
Incatenati contro la crisi climatica, 5 fogli di via: “Sono di Torino, non posso tornare a casa mia”
902.881 di Gianluca Orru
In Cina ora la polizia entra in casa per arrestare i contatti diretti dei contagiati
In Cina ora la polizia entra in casa per arrestare i contatti diretti dei contagiati
Da anni recluso in casa, Lello vince la sua battaglia:
Da anni recluso in casa, Lello vince la sua battaglia: "Posso tornare a sentire l'odore del mare"
1.720.680 di Francesca Lagatta
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni