Ilenia Fabbri
in foto: Ilenia Fabbri

Ilenia Fabbri ogni sera chiudeva i ‘ganci' di sicurezza della porta d'ingresso e la porta interna ‘tagliafuoco' a fuoco. Chiunque fosse in  possesso delle chiavi del garage, per entrare avrebbe avuto bisogno dunque di qualcuno che dall'interno sbloccasse i dispositivi di sicurezza della porta. Si tratta di una delle ‘anomalie' messe in luce dalla Procura di Ravenna e recepite nell'ordinanza del Gip Corrado Schiaretti nell'ambito delle indagini per l'omicidio della donna di Faenza. La magistratura ha già disposto l'arresto per l'ex marito della donna, Claudio Nanni, e di un suo conoscente, appassionato di moto come lui, Pierluigi Barbieri, 53enne pregiudicato residente a Reggio Emilia, con il quale l'uomo aveva avuto contatti nei giorni precedenti al delitto. Per l'accusa si tratterebbe dell'esecutore materiale dell'omicidio.

   "I dispositivi potevano essere disattivati solo dall'interno, per cui entrare da quella porta, anche disponendo delle chiavi, sarebbe stato impossibile in qualsiasi altro giorno, perché Arianna doveva uscire, per andare a Lecco con il padre e, alle sei del mattino, nessuno avrebbe comunque richiuso i chiavistelli e la porta tagliafuoco".

Gli inquirenti hanno evidenziato dunque come la presenza di Arianna, la figlia della coppia, la mattina dell'omicidio, serviva proprio a sbloccare quei chiavistelli prima di uscire dalla porta del seminterrato. Da qui, si legge ancora nell'ordinanza, si deduce "che per chi avesse deciso di uccidere Ilenia la scelta della giornata, quella giornata, sarebbe stata obbligata, anche avendo la chiave".

Minacce e botte andavano avanti da anni

Per anni e in diverse occasioni Claudio Nanni avrebbe minacciato di morte, direttamente o indirettamente, la moglie Ilenia. Lo ha fatto non solo in sua presenza lei, ma anche indirettamente, comunicando a terzi la sua intenzione di "uccidere la moglie"."Le controversie" tra la coppia sono proseguite fino alla morte della donna, "che le ha tragicamente risolte", scrive il Gip Corrado Schiaretti. Ilenia aveva denunciato tutto, ne aveva parlato con le amiche già nel 2017, e con il suo avvocato, poco prima dello scorso Natale: a quest'ultimo aveva riferito chiaramente che qualora avesse vinto la causa di lavoro nei sui confronti, lui l'avrebbe ammazzata. La 46enne di Faenza aveva già denunciato Nanni tre anni fa dopo averla aggredita, "facendole sbattere la testa nel muro, spingendola verso un mobile, tenendole la testa abbassata e stringendole il polso", come da referto dall'epoca.

A che punto sono le indagini

Gli inquirenti stanno proseguendo nelle indagini, in particolare su due fronti: la dinamica dell'omicidio e nell'analisi della vettura del presunto killer. Su quest'ultimo fronte sono in corso verifiche con il luminol sulla Toyota Yaris del Barbieri, intestata alla moglie, che l'uomo avrebbe usato per portarsi da Rubiera, in provincia di Reggio Emilia, alla cittadina del Ravennate. La macchina è stata immortalata in diversi filmati e intercettata dalle telecamere comunale di Faenza anche la mattina del delitto. Secondo quanto si legge nell'ordinanza, il Nanni "metteva a disposizione dell'esecutore materiale le chiavi per accedere nell'abitazione della donna, gli descriveva la disposizione dell'appartamento per consentirgli, una volta entrato, di raggiungere subito la stanza dove la moglie stava dormendo, individuava il giorno e l'ora nei quali l'assassino sarebbe potuto entrare indisturbato in casa, infine, si precostituiva un alibi recandosi, il giorno del delitto, insieme con la figlia, nella provincia di Milano, per ritirare un'autovettura acquistata qualche giorno prima".