1.267 CONDIVISIONI
La morte della Regina Elisabetta II
9 Settembre 2022
13:04

Morte Regina Elisabetta, Sabadin a Fanpage.it: “Vi spiego perché con Carlo la monarchia è a rischio”

Elisabetta II è stata l’ultima grande sovrana del Regno Unito. Dopo di lei il figlio Carlo ma il futuro della monarchia è a rischio. Lo spiega a Fanpage.it il giornalista a scrittore Vittorio Sabadin.
A cura di Chiara Ammendola
1.267 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte della Regina Elisabetta II

La morte di Elisabetta II segna la fine un'epoca ma soprattutto apre a un periodo di austerity per la monarchia britannica che rischia di perdere la magia che l'ha caratterizzata finora. Lo conferma a Fanpage.it lo scrittore e giornalista Vittorio Sabadin, autore tra gli altri di "Elisabetta, l'ultima regina" e "Carlo. Il principe dimenticato": “Elisabetta è stata l'ultima grande regina, non ci sarà mai nessuna come lei, e intendo nel modo di gestire il suo ruolo di sovrana: la monarchia di Carlo sarà per forza di cose una monarchia molto diversa, e con William si rischia di perdere in maniera definitiva la magia del regno britannico. Non sarà facile per Carlo, lui succede a sua madre che ha avuto un regno straordinario e che è considerata un po' la madre della Gran Bretagna, una donna che non ha mai sbagliato in 70 anni”.

Chi è stata Elisabetta II?
Elisabetta è stata l'ultima grande regina, non ci sarà mai nessuna come lei, e intendo nel modo di gestire il suo ruolo di sovrana, e questo modo è stato impeccabile per 70 anni dedicati interamente al servizio del suo paese. In questi 70 anni Elisabetta ha affrontato numerosissime emergenze, tutti abbiamo in mente ovviamente solo quella di Diana, ma non c'è stata solo quella.

Ci sono stati anche contrasti forti con alcuni primi ministri britannici come la Thatcher, ci sono state situazioni difficili anche sul piano dei rapporti con altri paesi, come gli Stati Uniti con la crisi del canale di Suez, tutte cose che non vengono ricordate nelle sue biografie ma nelle quali lei ha avuto un ruolo importante, perché è in quelle occasioni che ha rappresentato al meglio la Gran Bretagna nel mondo.

Vittorio Sabadin
Vittorio Sabadin

Perché tutti amavano o continueranno ad amare Elisabetta?
Tutti i britannici la amano tantissimo proprio perché lei è stata la migliore ambasciatrice del suo paese, e qui intendo una persona che non ha mai commesso errori, che è sempre stata molto cortese e gentile con tutti. Una persona che, in un mondo che sta diventando sempre più maleducato nei rapporti umani, era un esempio di buone maniere, oltre ad essere stata un esempio di una perfezione nell'intrattenere i rapporti con gli altri.

E questo, mi preme sottolinearlo, era frutto non solo del suo carattere ma di una tradizione monarchica che ha sempre badato molto, almeno formalmente, al rispetto delle persone, a partire da quelle ricevute a Buckingham Palace. Elisabetta, e l'ho potuto constatare in prima persona, aveva una capacità unica di mettere le persone a proprio agio, e lo faceva con tutti. In questo era insuperabile, quello che rende tristi oggi i sudditi del suo regno non è solo la sua scomparsa ma anche il fatto che sono tutti consapevole che un'epoca è finita.

Elisabetta II e il marito Filippo
Elisabetta II e il marito Filippo

Cosa dobbiamo aspettarci dal regno di Carlo III?
La monarchia di Carlo sarà per forza di cose una monarchia molto diversa, anche a causa del fatto che le risorse economiche di cui la monarchia ha disposto finora non saranno più disponibili: il paese sta attraversando una crisi economica che non si risolverà molto presto e che chiamerà i reali a tagliare le spese, a ridurre le loro dimore, a non utilizzare Buckingham Palace che è un palazzo costosissimo e ingestibile, come segno della monarchia.

Insomma tutti quegli elementi di splendore che hanno caratterizzato il regno di Elisabetta pian piano scompariranno: pensiamo alle grandi parate e a tutti quegli eventi che attiravano i turisti, le foto, i video. Tutto questo toglierà fascino alla monarchia britannica che era rimasta l'unica ancora contornata da un po' di magia.

Qual è la stata la magia della monarchia britannica?
Con Elisabetta avevamo la sensazione di sapere e allo stesso tempo non sapere: qualcosa ci veniva detta dai tabloid ma non sapevamo tutto. Molte cose restavano riservate e i turisti quando andavano a Buckingham Palace e vedevano una tendina che si scostava pensavano che fosse la regina che magari li stava guardando: stavano lì a chiedersi chissà cosa mangia, come mangia, cosa fa nel suo palazzo.

Questo mistero con Carlo si affievolirà e poi scomparirà definitivamente con William e Kate che saranno un sovrano e una regina molto borghesi, simili alle monarche del nord Europa delle quali ci importa poco o nulla. Hanno scelto di diventare come noi, andare a fare la spesa al supermercato, andare in giro in bici, ma diventando come noi non ci interessano più.

I giornali ricordano la regina Elisabetta
I giornali ricordano la regina Elisabetta

Dopo il lungo regno di Elisabetta, il regno di una donna, ci attendono tre generazioni di uomini: siamo sicuri che riusciremo a vederli tutti sul trono o potremmo assistere alla scomparsa della monarchia inglese? 
Il Commonwealth è stato tenuto in piedi in questi anni dalla regina Elisabetta che ha fatto molti viaggi proprio per questo motivo, lei era capo di Stato di 14 paesi. Morta lei non credo che paesi come l'Australia e il Canada rimarranno nel Commonwealth, ci restavano per rispetto alla regina e con Carlo tutto andrà rinegoziato. E poi c'è il problema interno, Elisabetta è stata regina del Regno Unito che comprendeva Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

La Scozia ha già annunciato un nuovo referendum per l'indipendenza, e molto probabilmente dopo lo farà anche il Galles, intanto c'è la questione nord irlandese che dipende molto dalle trattative sulla Brexit. Insomma parliamo di una polveriera pronta a esplodere in ogni momento che potrebbe cancellare il Regno Unito: il re potrebbe diventare in un arco di tempo storicamente molto breve di nuovo solo il re d'Inghilterra, e questa è già una forte riduzione della monarchia. Dipenderà da Carlo, se sarà molto bravo nel rendersi un sovrano popolare allungherà sicuramente la vita della monarchia, altrimenti temo anch'io che forse George non riuscirà a sedersi sul trono.

La popolarità di Carlo è già molto bassa
Di Carlo mi spiace che la maggior parte delle persone abbia di lui un'opinione negativa perché è una persona di grande intelligenza e cultura, ma è stato danneggiato dalle tante maldicenze. Carlo ha applicato la regola del "never complain, never explain" tanto cara a sua madre, ovvero mai lamentarsi e mai spiegare e quindi non ha mai rettificato le accuse che gli sono state rivolte dalla principessa Diana e questo ha fatto in modo che fosse messo in una luce molto cattiva che in realtà non merita, anche perché Lady D ha raccontato molte falsità sul suo conto.

Re Carlo III
Re Carlo III

Che tipo di falsità? 
I tradimenti ad esempio, Carlo non ha mai tradito Diana con Camilla fino a quanto il loro matrimonio non è andato a pezzi, ovvero poco dopo la nascita di Harry. Mentre invece Diana ha avuto diverse relazioni extraconiugali, una delle quali anche con la sua guardia del corpo. Carlo ha amato una sola persona nella sua vita, Camilla, e alla fine è riuscito a sposarla.

Diventare re potrebbe aiutarlo a essere benvoluto?
Non sarà facile, lui succede a sua madre che ha avuto un regno straordinario e che è considerata un po' la madre della Gran Bretagna: tutte le persone che vivono lì oggi sono nate con la regina già sul trono, quindi hanno avuto lei come immagine di sfondo della monarchia e come rappresentante del loro paese, e non avrebbero potuto desiderare di meglio. Elisabetta non ha mai commesso errori, non è mai stata fotografata con qualcosa fuori posto, non ha mai detto qualcosa di sgradevole e soprattutto è sempre stata gentile con tutti, mostrando un grande interesse per il suo popolo.

1.267 CONDIVISIONI
226 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni