702 CONDIVISIONI
Covid 19
8 Luglio 2022
10:00

Covid Italia, Iss: Rt a 1,40, salgono incidenza, ricoveri e terapie intensive

Secondo l’ultimo monitoraggio Covid dell’Istituto superiore di sanità e del ministero della salute salgono l’Rt sui casi sintomatici e l’occupazione dei posti in terapia intensiva.
A cura di Giacomo Andreoli
702 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Ancora un peggioramento della pandemia da Covid-19 in Italia, sulla spinta delle varianti Omicron 5. Secondo l'ultimo monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute sono in aumento indice di trasmissibilità e incidenza dei casi: nel periodo che va dal 15 al 28 giugno, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,40 (range 1,36-1,46), in aumento rispetto alla settimana precedente, quando era 1,30 ed oltre la soglia epidemica.

Si registra anche un boom dell'incidenza settimanale a livello nazionale: 1071 ogni 100mila abitanti (1-7 luglio 2022) rispetto a 763 ogni 100mila abitanti rispetto alla settimana precedente. Aumentano anche i ricoveri, sia in terapia intensiva sia nei reparti ordinari. Il tasso di occupazione in terapia intensiva sale al 3,5% (rilevazione giornaliera del 7 luglio) rispetto al 2,6% (il dato risale al 30 giugno). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 13,3% (rilevazione del 30 giugno) rispetto il 10,3% di una settimana prima.

Sono undici le regioni che registrano questa settimana un'incidenza dei casi di Covid superiore a 1000 per 100mila abitanti rispetto a una media nazionale di 1071 per il periodo 1-7 luglio: Campania al 1482,5, Puglia al 1320,5, Abruzzo al 1291,6, Umbria al 1275,8, Lazio a 1250,9, Veneto a 1184,8, Sicilia a 1147,5 (con un ricalcolo dei dati relativi alla settimana precedente), Marche a 1133,2, Sardegna a 1125,5, Basilicata a 1101,5 ed Emilia Romagna 1045,9. Nessun regione secondo il monitoraggio è classificata a rischio basso.

"Credo – ha detto il ministro della Salute Speranza a margine di un evento della Polizia- che in queste giornate in cui il numero dei casi è piuttosto elevato bisogna avere più precauzione e più prudenza, questo lo chiediamo a tutti in modo particolare, nei luoghi al chiuso resta raccomandata la mascherina e i più fragili possono fare la quarta dose. Già oggi le persone con più di 80 anni e quelle che vivono nelle Rsa possono fare il richiamo. Non aspettate settembre ma fate subito la dose di richiamo".

702 CONDIVISIONI
32169 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni