“Più forte della morte è l’amore. Ciao Manuel”. A riprendere queste parole, scritte in un post su Facebook dalla mamma di Manuel Paulon, sedicenne morto in un tragico incidente stradale martedì nel Veneziano, c’è anche il Comune di Meolo, dove la giovane promessa del nuoto viveva e dove domani, in occasione dei funerali del ragazzo, è stato proclamato il lutto cittadino. “Sabato il nostro comune osserverà il lutto cittadino per consentire la partecipazione ai funerali, indetti per le ore 10 di sabato 15 giugno presso la chiesa di Meolo, di Manuel Paulon e come espressione di cordoglio e vicinanza alla famiglia da parte di tutta la comunità. L’amministrazione comunale, unita alla cittadinanza tutta, esprime le più sentite condoglianze alla famiglia per questa immane tragedia”, si legge sul profilo Facebook del Comune, che dà notizia dunque dei funerali del sedicenne.

Lo schianto fatale in moto – Tutta la comunità di Meolo è ancora sconvolta per la scomparsa del giovane nuotatore la cui vita si è spezzata martedì mattina a pochi passi da casa. Manuel, in sella alla sua moto, stava tornando dall’allenamento svolto nella piscina della Piave Nuoto, a San Donà. All’improvviso la sua nuova moto è finita fuoristrada nel fossato che costeggia via Roma, terminando la corsa contro un terrapieno in cemento. Per Manuel Paulon, nonostante i tentativi di rianimazione, non c’è stato nulla da fare. L’intera comunità si è stretta attorno ai genitori dell’adolescente e il Comune, tramite i servizi sociali, ha offerto un supporto psicologico. Manuel Paulon era una giovane promessa del nuoto e anche un ottimo studente. In tanti hanno lasciato un messaggio per ricordarlo e tra le tante parole toccanti ci sono anche quelle dei suoi allenatori di nuoto. Cordoglio è stato espresso da tutta la Piave Nuoto, società per cui il giovane gareggiava da cinque anni.