18 CONDIVISIONI

Loris Stival, in appello chiesta la conferma di 30 di carcere per Veronica Panarello

Il sostituto Procuratore generale Maria Aschettino alla Corte d’assise d’appello di Catania, a conclusione della requisitoria, ha chiesto che venga confermata la condanna a 30 di reclusione, emessa in primo grado dal Gup di Ragusa il 17 ottobre del 2016, nei confronti di Veronica Panarello per l’omicidio e l’occultamento del cadavere del figlio Lorys.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Ida Artiaco
18 CONDIVISIONI
Immagine

Confermare la condanna a 30 anni di reclusione, emessa in primo grado dal Gup di Ragusa il 17 ottobre del 2016 per Veronica Panarello per l'omicidio e l'occultamento del cadavere del figlio Lorys, di 8 anni. È questa la richiesta dal sostituto Procuratore generale Maria Aschettino alla Corte d'assise d'appello di Catania a conclusione della requisitoria, che si è svolta nella mattinata di martedì 28 novembre. La donna era presente in aula. Si ricorda che l'udienza del processo si è conclusa, ma non la requisitoria, che proseguirà all'inizio del nuovo anno, precisamente il 15 febbraio con in aula il sostituto procuratore generale Maria Aschettino e il pm Marco Rota.

L'omicidio del piccolo Lorys Stival avvenne nella casa della famiglia a Santa Croce Camerina, nel Ragusano, il 29 novembre 2014, con il ragazzino strangolato con fascette di plastica. Era stata la stessa Veronica Panarello, la madre della vittima, a denunciarne la scomparsa prima del ritrovamento del suo corpo senza vita in un canalone nei presso del Mulini Vecchio, zona a pochi passi dalla scuola che il bambino frequentava. Poco meno di un mese dopo, l'8 dicembre, la Panarello è stata prelevata dalla sua abitazione e fermata con l’accusa di omicidio volontario aggravato del figlio Andrea Lorys Stival e l’occultamento del cadavere, anche se la donna ha in seguito negato il suo coinvolgimento nel delitto.

18 CONDIVISIONI
Chef di 'Quattro ristoranti' ucciso davanti al suo locale: chiesti 27 anni di carcere per l'omicida
Chef di 'Quattro ristoranti' ucciso davanti al suo locale: chiesti 27 anni di carcere per l'omicida
Messina Denaro e il rapporto con la figlia Lorenza, al pm rivelava: “Ha chiesto lei il mio cognome”
Messina Denaro e il rapporto con la figlia Lorenza, al pm rivelava: “Ha chiesto lei il mio cognome”
Matteo Messina Denaro, la Procura di Palermo chiede 14 anni per l’autista Giovanni Luppino
Matteo Messina Denaro, la Procura di Palermo chiede 14 anni per l’autista Giovanni Luppino
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni