Covid 19
7 Marzo 2022
11:36

Liguria, dal 1° aprile a casa oltre 300 sanitari: “Ci chiamavano angeli, ora siamo precari”

Con la fine dello stato di emergenza il 31 marzo si concludono anche i contratti a tempo determinato e a progetto stipulati con lavoratori nel settore della sanità. Corrono il rischio di restare a casa oltre 300 lavoratori solo negli ospedali liguri.
A cura di Gianluca Orrù
Jessica Basso, OSS Precario
Jessica Basso, OSS Precario
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Mi hanno detto già che sicuramente starò a casa – racconta Jessica Basso, operatore socio sanitario all'ospedale Galliera di Genova – e lo trovo molto sbagliato. Sono arrabbiata e delusa, noi sapevamo benissimo che eravamo stati assunti con un contratto per la pandemia, ma essere lasciati a casa così no. Ci hanno chiamato angeli della vita, ci siamo messi in pericolo per combattere il Covid, ma adesso ci lasciano a casa. Io ho famiglia, ho figli, sono vedova, non prendo la pensione, ho bisogno di lavorare".

La delusione che serpeggia tra gli operatori socio sanitari e gli infermieri precari dell'ospedale Galliera di Genova si percepisce con chiarezza. Il cielo sul capoluogo ligure è sereno, la temperatura primaverile, ma gli animi sono cupi e arrabbiati, anche tra chi non è precario e non teme di perdere il posto di lavoro, perché i reparti dell'ospedale sono appena coperti dal personale assunto in via straordinaria per l'emergenza Coronavirus e chi resta sa che senza 57 operatori (solo al Galliera) lavorare sarà più complicato e difficile per tutti.

Ghian Vescovi, OSS Precario
Ghian Vescovi, OSS Precario

"Ho una famiglia e una bambina piccola – racconta Ghian Vescovi – sono entrato con un contratto Covid a fine dicembre del 2020 a tempo determinato, ho un contratto che scade al 31 marzo 2022 e ad oggi nessuno ci ha detto nulla. Siamo precari a tutti gli effetti e risultiamo parte di una struttura che comunque senza di noi farà difficoltà".

Ghian ragiona con amarezza sul trattamento che gli è stato riservato: "È chiaro che il mercato del lavoro è così in generale, non mi aspettavo certo grandi feste, ma nemmeno di essere abbandonato senza neanche una parola". "Sono state promesse molte cose a queste persone – spiega Andrea Cancellerini, OSS e sindacalista – ma ad oggi nessuno ha detto loro nulla, non c'è trasparenza e questo è molto grave".

Andrea Cancellerini, OSS e Sindacalista
Andrea Cancellerini, OSS e Sindacalista

"Io come altri colleghi – spiega Michele Lastrico, OSS con un contratto a progetto – abbiamo affrontato la pandemia, siamo stati assunti nel momento più critico e vogliamo la sicurezza di poter continuare a lavorare. Non chiediamo nemmeno un contratto a tempo indeterminato, ma almeno la sicurezza di poter continuare a fare il nostro lavoro".

"Interrompere un lavoro di questo tipo con persone che hanno competenza – ragiona Andrea Manfredi, sindacalista della segreteria regionale CISL FP Liguria – con questo know-how e abilità specifiche, senza che siamo sicuri che effettivamente l'emergenza sia già finita, col rischio di doverli richiamare a ottobre è una cosa molto grave".

Già, la pandemia in Italia verrà dichiarata conclusa con un atto burocratico, il 31 marzo del 2021, ma nessuno è sicuro che le cose non possano peggiorare nuovamente il prossimo ottobre, quando tornerà la lunga stagione fredda. Farsi trovare impreparati sarebbe un grave errore, imperdonabile.

31316 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni