12.917 CONDIVISIONI
Covid 19
25 Gennaio 2022
17:12

“Le mascherine non fermano Omicron, non serve più usarle all’aperto”: lo dice Matteo Bassetti

Secondo l’infettivologo genovese Matteo Bassetti “una variante così contagiosa come Omicron le mascherine non la fermano, l’unico strumento per fermarla è la vaccinazione soprattutto con la tripla dose”.
A cura di Ida Artiaco
12.917 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Le mascherine all'aperto non servono più. Parola di Matteo Bassetti, l'infettivologo del San Martino di Genova, che in un lungo video pubblicato sulla propria pagina Facebook ha spiegato quale è la situazione Covid-19 in Italia e quali misure dovrebbero essere messe in campo per superare l'ondata di Omicron.

"Gli inglesi tolgono le mascherine all'aperto, lo fanno i francesi dal primo febbraio, non l'hanno mai messa gli spagnoli, quindi forse le mascherine all'aperto non servono come qualcuno pensava, dopo che in Italia abbiamo messo l'obbligo delle mascherine all'aperto mi pare che i contagi si siano solo moltiplicati", ha detto l'infettivologo, aggiungendo: "Non sono certo che le mascherine hanno tenuto fermo il contagio, la variante Omicron corre più veloce delle restrizioni. L'unico strumento che abbiamo per limitare le varianti Omicron e Delta nelle loro conseguenze più gravi è la vaccinazione, tre dosi di vaccino praticamente ci mettono in una botte di ferro. È questo che dobbiamo dire ai cittadini senza più dirgli di mettersi la mascherina. Una variante così contagiosa le mascherine non la fermano, l'unico strumento per fermarla è la vaccinazione soprattutto con la tripla dose. Dobbiamo incoraggiare tutti a farla".

Infine, l'esperto ha spiegato che "stiamo uscendo con progressiva fatica da questa quarta ondata ma i numeri dell'ultima settimana sono inequivocabili: il numero di ricoveri in terapia intensiva, che sono il parametro unico e attendibile per vedere la gravità della malattia, è stabile da una decina di giorni, ed anche ieri il rapporto tra entrate e uscite era pari a zero. Anche per quanto riguarda i contagi, il rapporto tra tamponi  e positivi sembra fisso al 15% da una settimana. Ci troviamo in una fase di plateau, nei prossimi giorni vedremo la discesa. Dovrebbe essere l'unica grande discesa che ci porta verso la fine della fase pandemica ad un'altra di convivenza con il virus".

12.917 CONDIVISIONI
31051 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni