6.574 CONDIVISIONI
30 Settembre 2020
11:08

Lampedusa, peschereccio tunisino ignora l’alt e sperona motovedetta italiana. Aperto il fuoco

Un’unità della Guardia di Finanza ha aperto il fuoco contro un peschereccio tunisino che non s’è fermato all’alt e che, nel tentativo di fuggire, ha speronato una motovedetta. Dopo l’inseguimento in acque internazionali il peschereccio Mohanel Anmed è stato bloccato dai militari delle Fiamme Gialle che hanno dovuto aprire il fuoco a scopo intimidatorio.
A cura di Davide Falcioni
6.574 CONDIVISIONI

Un'unità della Guardia di Finanza ha aperto il fuoco contro un peschereccio tunisino che non s'è fermato all’alt e che, nel tentativo di fuggire, ha speronato una motovedetta. Dopo l'inseguimento in acque internazionali il peschereccio Mohanel Anmed è stato bloccato dai militari delle Fiamme Gialle che l'hanno condotto a Lampedusa (Ag). Stando a quanto accertato il motopesca aveva calato le reti a 9 miglia circa (in acque territoriali italiane) dalla costa di Lampedusa. È quindi scattato un controllo da parte di Guardia Costiera e Guardia di Finanza; il natante però non solo non s'è fermato, ma ha anche speronato una motovedetta italiana. Immediatamente è scattato l’inseguimento in acque internazionali, durante il quale, prima di abbordare il peschereccio, sono stati esplosi numerosi colpi.

Il comandante del peschereccio, che si trova adesso a Lampedusa, è stato tratto in arresto con le accuse di resistenza e violenza contro nave da guerra e rifiuto di obbedire a nave da guerra. Sull'imbarcazione, che era impegnata in una battuta all’interno delle acque territoriali italiane e che è stato sottoposto a sequestro, non c’erano migranti né droga o armi. L’episodio è avvenuto nella giornata di ieri.

Stando a quanto ricostruito è stata la Capitaneria di Porto di Lampedusa ieri a intercettare il motopesca con le reti calate in mare, a circa 9 miglia dall’isolotto di Lampione. Il natante tunisino, a cui è stato intimato l'alt, anziché fermarsi ha invertito la rotta nel tentativo di allontanarsi. La Guardia di Finanza ha quindi inviato, a supporto, il Pv 7 Paolini del comando operativo aeronavale e una vedetta del reparto operativo aeronavale della Guardia d finanza di Vibo Valentia, entrambe a Lampedusa. L’inseguimento è durato diverse ore ed è stato filmato da velivoli del comando operativo aeronavale e dell’agenzia europea Frontex. A nulla è valsa l’esplosione di alcuni colpi a scopo intimidatorio da parte dell’unità maggiore: il peschereccio non solo non ha permesso l’abbordaggio, ma ha messo in atto una serie di manovre che hanno messo in pericolo l'incolumità degli stessi militari che cercavano di salire.

6.574 CONDIVISIONI
Maxi sbarco a Lampedusa, circa 100 migranti a bordo di una motovedetta della Guardia Costiera
Maxi sbarco a Lampedusa, circa 100 migranti a bordo di una motovedetta della Guardia Costiera
1 di MatSpa
Lampedusa, il drammatico soccorso in mare di 296 migranti su un barcone in balia delle onde
Lampedusa, il drammatico soccorso in mare di 296 migranti su un barcone in balia delle onde
229 di Fanpage.it
Previsioni meteo 13 novembre: nebbia in mattinata, maltempo e pioggia nel pomeriggio
Previsioni meteo 13 novembre: nebbia in mattinata, maltempo e pioggia nel pomeriggio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni