14.421 CONDIVISIONI
29 Settembre 2017
16:30

L’ultimo volo del falco: addio a Cristoforo, il super poliziotto che faceva paura alla mafia

Muore a 53 anni Cristoforo Rubino, uno dei poliziotti simbolo di Palermo che ha dedicato la vita alla lotta alla mafia e all’illegalità. “Quando lo vedevano scappavano”, raccontano i colleghi.
14.421 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'eroe del giorno

È stato nella scorta di Giovanni Falcone, nel 2011 ha messo le manette al boss "Scintilluni" Lauricella nel cuore della Kalsa e nella squadra "Falco 65 bis" si dedicava agli scippi, le rapine e lo spaccio. Cristoforo Rubino, 53 anni, è morto a Palermo lasciando una cicatrice nella memoria storica della città e della lotta antimafiosa. Aveva "le palle", Rubino e aveva tutta quella fisicità che l'ha proiettato nell'immaginario dei palermitani che (anche) in lui hanno visto la luce per questa città bellissima e così ferocemente contraddittoria.

C'è una foto che l'ha reso celebre e lo rappresenta: corre con l'arma in mano, i muscoli tenuti stretti dalla camicia, l'arma in pugno, gli occhiali da sole, i capelli lunghi spostati dal vento e quell'espressione che sembra uscita da un film poliziesco. «Ogni giorno, ogni ora, ogni attimo l’abbiamo vissuto come se non ci fosse un domani. – racconta a Palermo Today un suo collega – Ricorderò sempre le “guerre” in cui ci siamo catapultati e che abbiamo sempre vinto. Perché io sapevo di avere al mio fianco un grande uomo, un grande poliziotto, un grande amico. Mi dicevi sempre: ‘Se mi chiami e mi dici che dobbiamo andare all’inferno, 5 minuti e arrivo'»: ci sono poliziotti, nei posti più "caldi" del nostro Paese, che vivono il proprio mestiere come una missione che inizia ogni mattina. Nonostante tutto.

Lo chiamavano "Hulk Hogan" i colleghi, per la somiglianza muscolare con il noto campione del wrestling e per quel suo imporre la stazza per uscire dalle situazioni più difficili. Tra i mafiosi di vecchio corso all'interno di Cosa Nostra, Cristoforo Rubino era considerato uno di quelli che faceva "paura": spaventare i prepotenti, del resto, è una liberazione per chi si sente oppresso ed è normale che a Palermo quel poliziotto rappresentasse il "pugno duro" che la città ha invocato per tanti, troppi anni.

«Chi ti ha conosciuto sa che di storie bellissime, emozionanti, eroiche, di lavoro e di vita reale ce ne sono a milioni. Sei stata l’icona di noi “sbirri pinguinazzi sbarbatelli” che facevamo a gara per lavorare con te. Sei stato il terrore di molti, che solo a vederti gironzolare con la moto tremavano e scappavano.», dicono i colleghi. E chissà come sarà arrivato arrabbiato, lì dove ora è partito.

14.421 CONDIVISIONI
Autore, attore, scrittore, politicamente attivo. Racconto storie, sul palcoscenico, su carte e su schermo e cerco di tenere allenato il muscolo della curiosità. Collaboro dal 2013 con Fanpage.it, curando le rubriche "Le uova nel paniere" e "L'eroe del giorno" e realizzando il format video "RadioMafiopoli". Quando alcuni mafiosi mi hanno dato dello “scassaminchia” ho deciso di aggiungerlo alle referenze.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'eroe del giorno
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni