3.315 CONDIVISIONI
15 Gennaio 2022
12:22

Italiani favorevoli all’obbligo vaccinale: due su tre sono d’accordo

Gli italiani sono favorevoli all’obbligo vaccinale, non solo quella predisposto dal governo per gli over 50 ma anche rispetto a una eventuale estensione all’intera popolazione. È quanto emergo da un sondaggio del Corriere della Sera.
A cura di Chiara Ammendola
3.315 CONDIVISIONI

Gli italiani sono favorevoli all'obbligo vaccinale. E non solo quello già attuato dal governo nel provvedimento che vuole le persone over 50 tutte vaccinate, per legge: più della metà degli italiani vorrebbe infatti che l'obbligo venisse esteso anche al resto della popolazione. È quanto emerge da un sondaggio effettuato dal Corriere della Sera che ha sottoposto agli intervistati diversi quesiti che non riguardano solo l'obbligo vaccinale ma anche lo smart working e la didattica distanza. Nello specifico per quanto riguarda l'obbligo vaccinale, se si guarda al provvedimento emanato dal governo per gli over 50, poco più di un italiano su dieci si è dichiarato favorevole. La percentuale aumenta invece al 53% riguardo un eventuale obbligo esteso all'intera popolazione, indipendentemente dall’età e dal tipo di occupazione. C'è una percentuale, intorno al 9 circa, che invece vorrebbe limitare l'obbligo solo a coloro che lavorano nei settori essenziali e a rischio, come il personale sanitario o le forze dell’ordine. Chi invece è contrario a qualsiasi tipo di obbligo è il 20% degli intervistati.

Per quanto riguarda invece gli altri due temi ampiamente discusso fuori e dentro le fila del governo, le percentuali cambiano. Sulla scuola a emergere è il dato favorevole nei confronti del ritorno in classe in presenza, per lo smart working invece i lavoratori sono piuttosto divisi. Nello specifico il 43% approva la decisione di riaprire regolarmente gli istituti scolastici mentre il 22% avrebbe scelto per i propri figli la dad, la didattica a distanza, almeno per queste settimane in cui i contagi sono in risalita. Infine il 21% avrebbe scelto addirittura di non riaprire le scuole nemmeno nel breve termine posticipando il tutto a data da destinarsi. Cambiano invece le opinioni per il cosiddetto lavoro da casa che, sebbene consigliato a pubblica amministrazione e imprese privati, dal governo, non trova fattibilità nei lavoratori. C'è chi, come i dipendenti pubblici (43%) e impiegati e dirigenti del settore privato (38%), ne faranno uso. Due su tre (64%), se si guarda ad altri settori privati, non hanno la possibilità di lavorare in smart, il 19% non ritiene di poter aumentare le ore in smart e solo il 14% prevede di lavorare di più da casa.

3.315 CONDIVISIONI
Due italiani trovati morti in una camera d'albergo di New York
Due italiani trovati morti in una camera d'albergo di New York
Sondaggio, chi vince alle elezioni: alleanza Pd-M5s incomprensibile per quasi un italiano su due
Sondaggio, chi vince alle elezioni: alleanza Pd-M5s incomprensibile per quasi un italiano su due
Ucraina e Russia hanno raggiunto l'accordo sul grano:
Ucraina e Russia hanno raggiunto l'accordo sul grano: "Evitato incubo fame per il mondo"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni