Ancora una volta Bebe Vio è al centro delle attenzioni per degli insulti subiti. Stavolta, le offese non sono state veicolate tramite i social ma è bastata una scritta eseguita, probabilmente, con un pennarello indelebile di colore scuro su una panchina del centro di Mogliano Veneto, provincia di Treviso, paese di residenza della campionessa paralimpica di fioretto individuale.

La frase incriminata recita testualmente: “Bebe Vio, ti stai facendo i soldi tua disgrazia! Vergognati”. Parole dure e cariche di odio come quelle di tanti internauti che, negli ultimi mesi, hanno preso di mira gli account social dell’atleta veneta. L’episodio in questione, pur non essendo caratterizzato da insulti a sfondo sessuale, appare comunque particolarmente disturbante, visto che la scritta è comparsa su una panchina distante pochi metri dal municipio di Mogliano e, per giunta, nel giorno della Festa della Repubblica.

Al Gazzettino, il sindaco Carola Arena si è detta “davvero dispiaciuta”, dato che già “il fatto di imbrattare panchine e muri è riprovevole” e lo è ancor di più “il modo in cui si attacca una ragazza stupenda”. Secondo il Primo Cittadino, ciò “denota ignoranza e grandissima insensibilità”. Visti gli ostacoli che Bebe Vio è riuscita a superare grazie alla sua grandissima forza di volontà, si può essere certi che l’atleta supererà anche quest’increscioso incidente. “Mi spiace solo che, fino a lunedì, i tecnici comunali non possano intervenire”, ha concluso Carola Arena.