Il Ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito web l’allerta alimentare riguardante due lotti di cioccolato Ovomaltine per la possibile presenza di corpi estranei di plastica. Il prodotto in questione è venduto in tavolette da 100 grammi con i numeri di lotto 1328913 A e 1328913 B e il termine minimo di conservazione 08/05/2021. Il cioccolato in questione è stato prodotto da Wander AG, nello stabilimento di Frabrikstrasse 10, a Neuenegg, in Svizzera. Già nei giorni scorsi Bennet, Iper, Gros Cidac e Carrefour avevano comunicato il ritiro del prodotto; ora anche il Ministero della Salute ne ha dato notizia.

Per precauzione, si raccomanda di non consumare il cioccolato con i numeri di lotto segnalati e restituirli al punto vendita d’acquisto. Per ricevere ulteriori informazioni i consumatori si possono rivolgere al servizio clienti al numero di telefono: 0471-344306 da lunedì a venerdì dalle ore 08:00 alle ore 13:00 e dalle ore 14:00 alle ore 17:00.

Gli ultimi richiami alimentari diramati dal Ministero della Salute sull’apposito sito web riguardano un lotto di pesto vegan biologico a marchio La Selva per un problema al tappo, dei Ravioli di Borragine, prodotti da ‘Il Pastaio Ligure’ per Sublimis S.r.l (ritiro diramato a causa della scarsa efficienza di quella che è la cosiddetta ‘catena del freddo’); una Formaggella del luinese Dop (Azienda Agricola Il Vallone) e un lotto di tomahawk di bovino adulto del marchio Platinum Prime: in entrambi casi richiamati per possibile presenza di Escherichia coli STEC; e ancora quello relativa al richiamo di alcuni lotti di frolle ripiene con crema al cacao a marchio Coop per la possibile presenza di tracce di latte, un allergene non dichiarato in etichetta; poi un lotto di casareccia a marchio Savelli Salumi e Carni e un formaggio pecorino a latte crudo semi stagionato dell’ Azienda agricola di Carai Giuseppe &C ssa.