Per evitare una multa da 180 euro, ha offerto ai carabinieri 50 euro, tre pezzi di salsiccia e tre bottiglie di liquore. Per questo un cittadino bulgaro di 47 anni è stato arrestato nel Foggiano con l’accusa di istigazione alla corruzione. I fatti sono accaduti qualche mattina fa. Quando si è accorto della presenza dei carabinieri ha accelerato il passo con la speranza di eludere un eventuale controllo; ma proprio l’atteggiamento sospetto, ha spinto i militari dell’Arma di Cerignola ad intimargli l’alt, in via Manfredonia, nel comune in provincia di Foggia. Le forze dell’ordine hanno constatato che il 47ennne che viaggiava da solo a bordo di una utilitaria, non indossava la cintura di sicurezza e la sua auto presentava alcune inefficienze, che la rendevano potenzialmente pericolosa per la circolazione stradale ed hanno quindi contestato all’automobilista due sanzioni amministrative ai sensi del Codice della Strada per un importo di circa 180 euro.

A quel punto il bulgaro ha pensato di trovare un ‘accordo’ per indurre i carabinieri a “chiudere un occhio”: ha tirato fuori 50 euro e messo mano a una busta che aveva in macchina, contenente tre pezzi di salsiccia secca e tre bottiglie di liquore. I militari, però, non ci hanno pensato un attimo: hanno rifiutato gentilmente il ‘bottino’ e accompagnato l’uomo negli uffici della locale Compagnia dei Carabinieri, aggiungendo alla sanzione un bell'arresto, per istigazione alla corruzione.