2.565 CONDIVISIONI
3 Novembre 2021
15:16

Finge di iniettare vaccini ai bambini: infermiera No vax condannata a risarcire 550mila euro

Emanuela Petrillo, trevigiana di 38 anni, dovrà risarcire l’azienda sanitaria universitaria di Udine con oltre mezzo milione: la donna è accusata di aver finto di inoculare 8mila dosi di vaccini, per lo più a bambini, durante il periodo in cui – tra il 2009 e il 2016 – svolgeva servizio alle Asl del capoluogo friulano, Codroipo e Treviso. Nella sentenza della Corte dei Conti si legge che la donna “ben sapeva quel che faceva” e “ha agito con dolo”.
A cura di Biagio Chiariello
2.565 CONDIVISIONI

Emanuela Petrillo, ex infermiera dell'Ulss, dovrà risarcire per 550mila euro di danni (più 33mila euro di spese legali) l'Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale di Udine (Asufc). La 38enne di Spresiano, che è processo a Udine con l’accusa di aver solo finto di inoculare vaccini a circa 8 mila pazienti, per lo più bambini, durante il periodo in cui – tra il 2009 e il 2016 – svolgeva servizio alle Asl del capoluogo friulano, Codroipo e Treviso, è stata riconosciuta colpevole dalla Sezione del Friuli Venezia Giulia della Corte dei Conti. Secondo la Procura, per effetto della condotta attribuita all'ex assistente sanitaria "la quale avrebbe solo apparentemente inoculato ai piccoli pazienti i vaccini agli stessi destinati, escludendo così di fatto e nell'inconsapevolezza generale, la risposta immunitaria attesa" sulla sanità regionale sono gravati i costi di "una complessa attività rimediale, sostanzialmente finalizzata, all'esecuzione di nuove somministrazioni vaccinali nei confronti della popolazione infantile ritenuta interessata dal disservizio".

Le accuse nei confronti di Emanuela Petrillo

Va comunque detto che la 38enne sarà condannata solo nel caso in cui venga dichiarata colpevole nei tre gradi di giudizio nel processo in cui di fronte ai giudici di Udine deve rispondere di peculato, omissione d’atti d’ufficio e falsità in dichiarazione. Nella sentenza della Corte dei Conti si legge che la donna "ben sapeva quel che faceva" e "ha agito con dolo". Nel sangue degli ex pazienti della Petrillo non vi sarebbe stata alcuna risposta anti-virale. Su 159 provette testate nel corso dell’incidente probatorio disposto dalla Procura di Udine, 153 sono quelle che risultano contenere sangue che non ha reagito al vaccino. Un risultato che sembra inchiodare Emanuela Petrillo, sostanziatosi in una valutazione statistica sulla risposta alla somministrazione dell’antigene del morbillo.

2.565 CONDIVISIONI
Napoli, finti vaccini anti-Covid a oltre 30 No Vax: arrestati infermiere e Oss
Napoli, finti vaccini anti-Covid a oltre 30 No Vax: arrestati infermiere e Oss
Palermo, finge di vaccinare coniugi no-vax: arrestata un'altra infermiera
Palermo, finge di vaccinare coniugi no-vax: arrestata un'altra infermiera
Infermiera arrestata a Palermo, fingeva di vaccinare No Vax
Infermiera arrestata a Palermo, fingeva di vaccinare No Vax
683 di askanews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni