Dramma sfiorato a Racale, comune di diecimila abitanti della provincia di Lecce: un uomo ha scagliato dal balcone di casa una bombola di gas dal peso di dieci chilogrammi intenzionato a colpire l’auto con cui la moglie stava tentando di scappare da lui dopo una violenta lite. E con la donna nell’auto, che l’uomo ha colpito tanto da riuscire a sfondare il parabrezza (come si vede dalle fotografie dei Carabinieri), c’erano anche le figlie minorenni della coppia. Mamma e figlie stavano cercando di fuggire dopo una lite per mettersi in salvo e solo per caso non sono rimaste ferite. Sono stati alcuni vicini di casa ad allertare immediatamente le forze dell’ordine e sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Racale. Già denunciato in precedenza dalla donna, l’uomo si trovava ancora sul posto all’arrivo dei militari dell’Arma che lo hanno arrestato in flagranza e portato in carcere a Lecce. La bombola di gas è stata invece sequestrata e messa in sicurezza.

L'ultimo episodio di una serie di aggressioni fisiche e verbali denunciate dalla donna – A quanto emerso, la bombola di gas lanciata dal primo piano di casa sull’auto sarebbe soltanto l’ultimo di una serie di atti violenti che la donna avrebbe dovuto subire dal compagno. Già in passato la donna era stata vittima di una serie di aggressioni fisiche e verbali che aveva anche denunciato. Violenze che spesso avvenivano in presenza delle due bambine, come stamattina, quando dopo l’ennesimo litigio la donna aveva deciso di scappare con le figlie. E mentre lei saliva in auto, lui, ancora in casa, avrebbe afferrato una bombola di gas per lanciarla con forza contro il veicolo.