16 Novembre 2022
18:02

Dottoressa non gli prescrive farmaco, lui gli lancia una sedia: aggredita guardia medica di Bari

Una dottoressa della guardia medica di Bari è stata aggredita ieri sera da un paziente al quale si era rifiutata di prescrivere un farmaco. La donna non ha riportato ferite, ma solo un grosso spavento.
A cura di Davide Falcioni

Dopo aver avuto uno scatto di ira, un paziente ha scagliato una sedia addosso a una dottoressa della continuità assistenziale, ex guardia medica, di Bari. È accaduto ieri sera intorno alle 22 nel quartiere Japigia e a renderlo noto è il sindacato Fimmg Bari.

La donna è stata tempestivamente soccorsa da alcuni colleghi. Non sono chiari i motivi dell'aggressione, ma da fonti sanitarie sembra che l'uomo avrebbe preteso la prescrizione di alcuni farmaci.

Nicola Calabrese, segretario della Fimmg, ha ricostruito in una nota la vicenda spiegando che l'uomo si era già reso protagonista in passato di minacce a personale della continuità assistenziale. "A scongiurare il peggio l'intervento dei medici della postazione 118 adiacente alla sede di continuità assistenziale, che – spiega Calabrese – sono riusciti a calmare il paziente e hanno prestato soccorso alla collega. La dottoressa, che fortunatamente non ha riportato danni fisici, è andata in pronto soccorso in stato di shock ed è successivamente ritornata alla postazione di continuità assistenziale, nonostante il grave disagio psichico, per solidarietà verso la collega rimasta da sola in servizio e senso di responsabilità".

"Esprimo a nome di Fimmg vicinanza e solidarietà alla dottoressa e a tutti i colleghi che quotidianamente subiscono episodi simili, molti dei quali non denunciati. – dichiara Nicola Calabrese, Segretario Fimmg Bari – Le violenze sono all’ordine del giorno nelle postazioni di continuità assistenziale. Questa volta fortunatamente sono riusciti a intervenire i colleghi del 118. Ma spesso i medici di CA sono soli, in postazioni isolate. Urge mettere in sicurezza i colleghi, ripensando il modello della continuità assistenziale, le cui criticità non sono mai state risolte. Si sta aspettando l’evento tragico per intervenire?".

"Ci aspettiamo che la ASL Bari riattivi il tavolo sulla sicurezza delle cure in continuità assistenziale attraverso la verifica degli adempimenti della legge 81/2008 per la sicurezza sul posto di lavoro. Chiediamo che l’assessore Palese ci convochi per avviare il confronto e ripensare un servizio che al momento presenta un elevatissimo rischio di violenza per gli operatori", aggiunge Claudia Aiello, Segretario provinciale per la sezione di Continuità assistenziale della Fimmg Bari.

Dottoressa aggredita e insultata a Udine:
Dottoressa aggredita e insultata a Udine: "Quasi strangolata dall'accompagnatore di un paziente"
In Afghanistan le donne non potranno essere visitate da medici uomini: “Istruire nuove dottoresse”
In Afghanistan le donne non potranno essere visitate da medici uomini: “Istruire nuove dottoresse”
Difende una ragazza a bordo di un autobus, 21enne aggredito a Bari con calci e pugni dal branco
Difende una ragazza a bordo di un autobus, 21enne aggredito a Bari con calci e pugni dal branco
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni