2.990 CONDIVISIONI
20 Settembre 2021
21:03

Dopo l’incidente Arianna rischia la paralisi: “Ma sono viva e cerco l’angelo che mi ha soccorsa”

Lancia un appello dal letto di ospedale dove è ricoverata Arianna Fadda vittima di un incidente il 13 settembre scorso mentre all’alba si recava al lavoro. La sua auto ha sbandato e lei è finita contro un muro prima di ribaltarsi, ora rischia la paralisi ma il suo obiettivo è trovare uno degli angeli che quella mattina l’hanno aiutata a restare sveglia fino all’arrivo dei soccorritori. È un uomo brizzolato e quel giorno aveva una maglietta verde: “Senza di lui probabilmente non ce l’avrei fatta: mi ha salvato la vita”, spiega Arianna.
A cura di Chiara Ammendola
2.990 CONDIVISIONI

Rischia di rimanere paralizzata a vita Arianna, ma è viva e per lei è tutto ciò che conta. Per questo dal letto di ospedale dove è ricoverata da giorni lancia un appello al suo angelo, all'uomo che l'ha soccorso subito dopo l'incidente nel quale è rimasta coinvolta il 13 settembre scorso: "C'è un angelo che mi è stato vicino, ha chiamato vigili del fuoco e 118, e mi ha tenuto vigile tutto il tempo", racconta la ragazza di 25 anni residente a Sestu che parla di una nuova vita grazie proprio a chi l'ha soccorsa. Una persona è riuscita già a rintracciarla, la chiama "la sua angioletta", ora però il suo obiettivo è trovare l'altro angelo che le ha tenuto la mano sino all'arrivo dei soccorritori: un uomo dai capelli brizzolati che quel giorno indossava una maglietta verde.

Mi hanno dato la possibilità di una seconda vita, che forse è meglio della prima

Con un sorriso pieno di speranza e di voglia di vivere Arianna Fadda racconta con lucidità di quei momenti che hanno preceduto il terribile incidente e anche di quelli subito dopo. Erano le 6.30 del mattino e a bordo della sua auto stava percorrendo la strada Statale 554 quando ha perso il controllo della vettura: "Per fortuna non ho coinvolto nessun altra auto. La mia macchina però si è ribaltata dopo essersi schiantata contro un muro finendo fuori strada – racconta Arianna – sono ricoverata al Brotzu dove mi hanno operata d'urgenza, ho otto viti, tre placche e 15 punti in testa. Ho sbattuto la testa e non solo. Non sento nulla dalla parte dell'ombelico a giù, però sto bene psicologicamente ed è sopratttutto grazie ai miei angeli che hanno fatto in modo che rimanessi cosciente e mi hanno dato la possibilità di una seconda vita, che forse è meglio della prima".

Senza di lui probabilmente non ce l’avrei fatta: mi ha salvato la vita

Sono stati alcuni automobilisti infatti a fermarsi e soccorrere la 25enne che si stava recando al lavoro. Hanno chiamato il 118 e hanno atteso l'arrivo dei soccorritori che hanno impiegato quasi un'ora, tenendola sveglia e soprattutto dandole speranza.  Trasportata all’ospedale Brotzu in codice rosso, è stata operata d’urgenza e ora rischia di rimanere paralizzata. Non ci sono molte speranze per Arianna che verrà trasferita all'ospedale Marino dove c'è un reparto specializzato e dove potranno curarla. Lei però è positiva e il suo obiettivo è ritrovare il suo angelo: "Una sono riuscita a trovarla, è la persona che mi teneva la mano – prosegue nel suo video appello affidato a castedduonline – ma è un altro ragazzo che cerco, quello che mi stava davanti che mi auguro si faccia sentire perché ci tengo di cuore. È lui che mi ha soccorsa e tenuta sveglia sino all’arrivo dell’ambulanza: voglio conoscerlo, è grazie a lui se sono viva".

2.990 CONDIVISIONI
Cosa potrebbe succedere a gennaio: rischio paralisi e caos quarantene a causa di Omicron
Cosa potrebbe succedere a gennaio: rischio paralisi e caos quarantene a causa di Omicron
168 di Videonews
Omicron, cosa potrebbe succedere a gennaio: 30 milioni di persone chiuse in casa e rischio paralisi
Omicron, cosa potrebbe succedere a gennaio: 30 milioni di persone chiuse in casa e rischio paralisi
Mirko, 26 anni, muore dopo 26 ore di attesa al pronto soccorso
Mirko, 26 anni, muore dopo 26 ore di attesa al pronto soccorso
338 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni