415 CONDIVISIONI

“Diceva di amarmi 100 volte al giorno, ma poi mi umiliava e picchiava: sono una sopravvissuta”

Dopo il femminicidio di Giulia Cecchettin, 105esima donna uccisa nel 2023, Fanpage.it apre uno spazio per le lettrici e i lettori per condividere le loro testimonianze. Se sei vittima di stalking o violenza chiama il numero 1522 – gratuito e attivo 24h su 24h.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Redazione
415 CONDIVISIONI

Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori

Giulia Cecchettin è la 105esima donna uccisa nel 2023. La 82esima in ambito familiare. Un dramma in seguito al quale la famiglia di Giulia, col papà Gino e la sorella Elena, hanno chiesto di “far nascere qualcosa perché non accada più”, di “fare rumore” e di denunciare, sempre. Se avete voglia di condividere le vostre testimonianze, Fanpage.it è aperto a voi. Scriveteci a segnalazioni@fanpage.it o cliccando qui. Se sei vittima di stalking o violenza chiama il numero 1522 – gratuito e attivo 24h su 24h. Pubblichiamo di seguito una testimonianza arrivata alla nostra redazione.

La lettera a Fanpage.it

Diceva di amarmi 100 volte al giorno e poi quando uscivo con le amiche ero una pu***, se rientravo poco più tardi del previsto erano offese e botte, strattoni e calci.

Ho perso tutti i rapporti con famiglia, amici, tutti. Ero solo sua. Un oggetto di sua proprietà. Mi umiliava. Mi dava il voto alle prestazioni sessuali e mi denigrava dicendo che ero talmente brutta, grassa e vuota che senza di lui non sarei andata da nessuna parte.

Ho tentato il suicidio più volte, sono quasi impazzita e mi hanno dovuto ricoverare. E poi beveva tanto e tornava quando voleva mentre io dovevo stare a casa ad aspettare e se lo chiamavo per sapere dov'era non rispondeva mai.

Una volta che mi sono lamentata mi ha buttato fuori di casa tirandomi per i capelli e ho dormito in macchina per non tornare a casa e dare dolore ai miei. Mi ha annullato. Prosciugato. Mi ha fatto ammalare.

Ma fuori, in mezzo alla gente, era splendido, generoso, spassoso. E finiva sempre per passare il concetto che ero io la povera ragazza matta che lo portava all’esasperazione. Poi ce l'ho fatta ad uscirne grazie a una psichiatra che si è presa cura di me.

Ma non si dimentica niente. Il tempo passa, lenisce, ma ogni volta che sento di qualche tragedia la ferita pulsa e penso che sono una sopravvissuta…e mi diceva ti amo 100 volte al giorno.

415 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La posta dei lettori
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni