Le Regioni avranno dal governo tutte le linee guida per le aperture differenziate di attività produttive ed esercizi commerciali a partire dal 18 maggio. È quanto emerge dal continuo confronta tra i governatori e il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, che sta seguendo da giorni il rapporto con le Regioni in questa fase due dell'emergenza coronavirus. "Dal 18 maggio ci sarà una nuova fase, che porterà a una differenziazione territoriale. Potranno riaprire gran parte delle attività economiche, ma non possiamo far ripartire attività senza protocolli di sicurezza" ha avvertito Boccia, assicurando però di comprendere perfettamente "l'esigenza delle Regioni di avere un quadro che consenta loro di avviare le riaperture differenziate" e di condividere "la loro esigenza di averlo in tempi brevi".

"Riapriranno parrucchieri, bar e ristoranti" 

A confermare che  il governo è pronto a dare il via libera anche il governatore della Liguria Giovanni Toti. "Stiamo lavorando con tutti i governatori perché dal 18 maggio il Paese possa davvero ripartire. Da quella data riapriranno tutti i negozi, parrucchieri ed estetisti, bar e ristoranti e tutto il resto. Il ministro Boccia mi ha confermato che è intenzione del governo dare da quel momento piena autonomia ai territori circa le proprie scelte, ovviamente seguendo con attenzioni i dati dell'epidemia" ha rivelato infatti il Presidente della Regione Liguria. Su alcuni punti chiave però ci sarà sicuramente  da discutere. "Auspichiamo che vengano diramate al più presto le linee guida dell'Inail e che contengano regole attuabili perché i 4 metri lineari tra i tavoli dei ristoranti che qualcuno ha anticipato come indiscrezione sarebbero inapplicabili per la maggior parte degli esercizi" ha ricordato ad esempio Toti.

Incontro governo e Conferenza delle Regioni

Di questo ed altro si discuterà nelle prossime ore tra governatori ed Esecutivo alla presenza dello stesso Premier Conte. Domani infatti sarà convocato il tavolo di confronto tra Governo e Conferenza delle Regioni per avere chiarezza sull'ipotesi di riaperture dal 18 maggio. Lo annunciato il presidente Stefano Bonaccini spiegando di averlo appreso dal ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, dopo aver ricevuto "da tanti presidenti di Regione la richiesta di avere certezza che dal 18 maggio possano riaprire gli esercizi e le attività commerciali oggi chiuse, ovviamente sulla base dell'andamento epidemiologico e il rispetto di protocolli di sicurezza condivisi". All'appuntamento sarà presenta anche il Ministro della Salute, Roberto Speranza.