135 CONDIVISIONI
16 Settembre 2017
11:54

Da madre assassina a ricercatrice universitaria: la “riabilitazione mozzafiato” di Michelle

L’incredibile riabilitazione di Michelle Jones: per 20 anni detenuta in un carcere dell’Indiana (USA) e oggi tra i promettenti studiosi di storia americana.
135 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'eroe del giorno

Ha passato 20 anni in una prigione dell'Indiana e solo il mese scorso è stata scarcerata eppure la storia di Michelle Jones è una di quelle che insegna come raddrizzare la propria vita e poi addirittura eccellere sia possibile: protagonista della"prodezza di una riabilitazione mozzafiato" (così ha scritto il New York Times che oggi riporta la notizia in prima pagina) è questa donna che oggi ha 45 anni, freschissima vincitrice del prestigioso dottorato della New York University; raramente l'università americana apre le porte della ricerca a studenti non suoi e Michelle è stata selezionata tra centinaia di  candidati.

Detenuto 970.554: questo era il numero di matricola della Jones all'interno del carcere, mentre nel corso degli anni riusciva a costituire un gruppo di lavoro con altri detenuti per analizzare (e studiare) i documenti dello Stato dell'Indiana e produrre così il miglior progetto di ricerca di Indiana Historical Society dell'anno scorso. Attraverso la videoconferenze la Jones, anche da detenuta, ha partecipato a numerose conferenze e ha tenuto anche un discorso all'Assemblea dell'Indiana fino a farsi riconoscere come “una dei migliori candidati negli USA per lo scorso anno” – ha detto di lei Elizabeth Hinton, professoressa di Storia ad Harvard – e ottenendo così la prestigiosa borsa di studio. Michelle Jones, tra l'altro, si dedica anche alla scrittura e alla drammaturgia e un suo spettacolo è in cartellone di un teatro di Indianapolis per il prossimo dicembre.

Eppure il "caso Jones" in questi giorni sta facendo discutere, in USA: la donna è stata condannata per l'omicidio del figlio nel 1992, morto per maltrattamenti e incuria, e l'Università di Harvard proprio per questo motivo nei mesi scorsi aveva deciso di escludere la Jones da una selezione per una borsa di studio in cui era risultata tra i migliori. "Non volevamo crocifiggerla – ha spiegato John Stauffer, uno dei due docenti di studi americani di Harvard – ma semplicemente non volevamo che tramite una ricerca in Google l'università venisse accusata di finanziare una madre che ha ucciso il proprio figlio". E la risposta del Procuratore Marger Moore non si è fatta attendere: "Sono io il giudice, non Harvard. La signora Jones ha commesso un crimine terribile e ha scontato la sua pena, esattamente quella che si meritava".

"Non si passano 20 anni in prigione senza affidarsi alla disciplina dello studio. – ha raccontato Michelle Jones – Ho già dimenticato Harvard, sono laureata nella scuola più dura che esista". E ora la New York University l'aspetta.

135 CONDIVISIONI
Autore, attore, scrittore, politicamente attivo. Racconto storie, sul palcoscenico, su carte e su schermo e cerco di tenere allenato il muscolo della curiosità. Collaboro dal 2013 con Fanpage.it, curando le rubriche "Le uova nel paniere" e "L'eroe del giorno" e realizzando il format video "RadioMafiopoli". Quando alcuni mafiosi mi hanno dato dello “scassaminchia” ho deciso di aggiungerlo alle referenze.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'eroe del giorno
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni