15.190 CONDIVISIONI
Covid 19
22 Marzo 2020
23:02

Morto di Coronavirus un altro medico di base: addio al dottor Vincenzo Leone

Vincenzo Leone era medico di base di Urgnano, in provincia di Bergamo. Sessantacinquenne di origini siciliane, lascia la moglie e i due figli Carlo e Giacomo. È la terza vittima del covid-19 tra i medici di famiglia della provincia di Bergamo, quella attualmente più colpita dall’epidemia di coronavirus.
A cura di Davide Falcioni
15.190 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Un altro medico ha perso la vita a causa del coronavirus: oggi a mezzogiorno si è infatti spento il dottor Vincenzo Leone, medico di base di Urgnano, in provincia di Bergamo. Sessantacinquenne di origini siciliane, lascia la moglie e i due figli Carlo e Giacomo. È la terza vittima del covid-19 tra i medici di famiglia della provincia di Bergamo.

Medico specialista in Nefrologia, Vincenzo Leone era vicepresidente dello Snami di Bergamo (Sindacato nazionale autonomo dei medici italiani) e dal 2010 membro del comitato aziendale per le cure primarie nell’Ats di Bergamo. Era anche a capo della sezione di Bergamo della cooperativa Insalute e impegnato nella vita amministrativa dei suoi due comuni di adozione: Urgnano e Zanica, dove risiedeva. "Compagno di mille battaglie sindacali sempre difensore dei diritti dei colleghi e dei cittadini", l'ha ricordato il collega e amico Marco Agazzi con un post pubblicato su Facebook. "Leone era medico di base interessato ai suoi pazienti fino a morirne da eroe — ha dichiarato il sindaco di Zanica Luigi Locatelli —, ma anche persona interessata a tutti noi, si era candidato alle ultime elezioni amministrative, dopo avere ricoperto per diversi anni il ruolo di assessore ad Urgnano, paese dove esercitava la professione di medico". Ad oggi sono oltre 130 i medici di base contagiati, alcuni dei quali sono ricoverati in terapia intensiva.

15.190 CONDIVISIONI
27557 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni