12 CONDIVISIONI
Cambiamenti climatici

Clima, le previsioni dell’Onu sono peggio del previsto: e il tempo per evitare il collasso è pochissimo

Entro il 2100, se non correggiamo velocemente la rotta, il riscaldamento globale arriverà a 3°, il doppio della soglia di sicurezza di 1,5° considerata già da molti una battaglia persa. A dieci giorni dall’inizio di Cop 28 un rapporto drammatico delle Nazioni Unite: evitare il collasso climatico è ancora possibile, ma bisogna agire subito.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Valerio Renzi
12 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cambiamenti climatici

Il prossimo 30 novembre si apre Cop28, ovvero la ventottesima conferenza mondiale con al centro l'emergenza climatica, e dalle Nazioni Unite arriva un nuovo, drammatico appello, a fare in fretta perché è già tardi. Secondo le stime, nonostante le promesse e gli impegni, troppo poco si è fatto per limitare l'utilizzo del combustibile fossile e l'immissione di gas climalteranti nell'atmosfera, con la conseguenza che gli obiettivi fissati dagli Accordi di Parigi sarebbero già oggi ritenuti irraggiungibili: entro fine secolo la temperatura media del pianeta è stimato che salirà tra due 2,5° e 2,9°. Dopo i 2° di aumento c'è sostanzialmente l'ignoto: ogni modello previsionale è insufficiente a immaginare quali saranno le conseguenze.

Si tratta di un aumento ben al di sopra del grado e mezzo di aumento di temperatura media, considerato dagli scienziati una soglia di sicurezza entro la quale l'adattamento al cambiamento climatico è sostanzialmente possibile, nonostante gli sconvolgimenti già in atto.

È bene ricordarlo: anche un solo di riscaldamento globale basta a stravolgere il mondo. Se sfiorassero i tre gradi non abbiamo idea di che pianeta avremmo di fronte, tutto questo nell'arco di neppure ottant'anni.

Il verdetto dell'Emission Gap Report del 2023 è senza appello: "La piena attuazione dei contributi nazionali incondizionati, previsti dall’Accordo di Parigi, consentirebbe al mondo di limitare l’aumento della temperatura a 2,9 gradi rispetto ai livelli preindustriali in questo secolo". La situazione non migliora se ci aggiungiamo l'attuazione degli impegni finanziati a livello internazionale: la soglia di aumento scende a 2.5°. Ancora decisamente troppo poco, serve fare molto di più di quello previsto.

Secondo l'Unep (UN Environment Programme) che realizza il rapporto, vedere aumentare la temperatura a "solo" 2° è ancora possibile, ma sarebbe necessario che almeno i paesi del G20 raggiungessero gli obiettivi Net Zero (ovvero l'equilibrio riferisce all'equilibrio tra la quantità di gas a effetto serra rilasciati nell'atmosfera e la quantità di gas a effetto serra rimossi) in fretta, ma al momento tutto ciò appare "irrealistico". Le possibilità di mantenere l'aumento di temperatura entro l'1,5° poi è stimata solo nel 14%.

È con questo documento davanti agli occhi che il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guteres ha lanciato il suo, ennesimo, appello ai leader mondiali constatando amaramente: "Tutto questo è un fallimento della leadership, un tradimento dei più vulnerabili e un’enorme opportunità mancata".

Per la prima volta venerdì 17 novembre 2023, si sono registrati 2° in più di temperatura media globale al di sopra dei livelli pre industriali. Nel 2023 – che si prepara a essere battezzato come l'anno più caldo della storia – già sono stati nei primi 86 i giorni con temperature superiori a 1,5 gradi, e questo solo nei primi nove mesi. I cambiamenti accelerano, ma non le risposte della politica globale che continuano a essere un troppo lente.

Ma cosa andrebbe fatto? Su questo non c'è dubbio: ridurre drasticamente l'utilizzo dei combustibili fossili, non domani, subito. Occhi puntati dunque su Dubai, dove i negoziati saranno guidati dal ministro dell'Economia degli Emirati Arabi Uniti, che è anche il Ceo di una compagnia petrolifera. Non proprio un buon auspicio.

12 CONDIVISIONI
493 contenuti su questa storia
La Sardegna è nella morsa della siccità, ma la campagna elettorale ignora la crisi climatica
La Sardegna è nella morsa della siccità, ma la campagna elettorale ignora la crisi climatica
Olimpiadi invernali 2026, a Cortina si stanno abbattendo 500 larici secolari per realizzare la pista di bob
Olimpiadi invernali 2026, a Cortina si stanno abbattendo 500 larici secolari per realizzare la pista di bob
Sondaggio: il cambiamento climatico preoccupa 3 italiani su 4
Sondaggio: il cambiamento climatico preoccupa 3 italiani su 4
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni