666 CONDIVISIONI
18 Maggio 2020
13:14

Cesare Battisti, respinta istanza per i domiciliari: aveva paura di essere contagiato in carcere

L’ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo (Pac), affetto da un’epatite B al polmone, aveva richiesto la scarcerazione per l’emergenza Covid-19. Sta scontando l’ergastolo a Oristano dopo 37 anni di latitanza all’estero.
A cura di Biagio Chiariello
666 CONDIVISIONI

Aveva chiesto di essere scarcerato per timore di essere contagiato dal coronavirus. Ma Cesare Battisti resterà in carcere. I giudici del tribunale di sorveglianza di Cagliari, come apprende l’Adnkronos, hanno rigettato l’istanza dell’ex terrorista che sta scontando l’ergastolo ad Oristano dopo l’estradizione in Italia un anno fa. L’ex super latitante dei Proletari armati per il comunismo è rientrato in Italia il 14 gennaio 2019, dopo 37 anni di latitanza, prima in Francia e poi in Brasile, estradato dalla Bolivia. La giustizia italiana lo ha condannato in contumacia per 4 omicidi compiuti quando era il leader del Pac. Due mesi dopo l'arresto lo stesso Battisti ha ammesso di essere colpevole durante gli interrogatori con il pm di Milano Alberto Nobili. "È stata una guerra giusta, ma adesso chiedo scusa alle vittime. Io allora credevo, come tanti altri, nella guerra civile e nell'insurrezione armata contro lo Stato" ha affermato l'ex terrorista.

La richiesta di Cesare Battisti

Battisti aveva chiesto di poter scontare gli arresti domiciliari nel Lazio dove vivono alcuni suoi parenti. L’istanza presentata dagli avvocati di Cesare Battisti al tribunale di sorveglianza di Cagliari dai suoi avvocati Gianfranco Sollai e Davide Steccanella è stata esaminata dai giudici di sorveglianza di Cagliari. La richiesta del detenuto, affetto da un'epatite B al polmone, è collegata ai rischi dell’infezione da covid 19 che da due mesi ha aperto le porte delle prigioni ad alcune migliaia di detenuti, facendo scendere la popolazione carceraria da circa 60.00 a 53.000 persone

666 CONDIVISIONI
Si sposano in chiesa dopo essere stati respinti 31 volte perché gay:
Si sposano in chiesa dopo essere stati respinti 31 volte perché gay: "Tutti meritiamo l'amore"
Sottoposto ai domiciliari, maltratta la madre in casa: la donna lo fa portare in carcere
Sottoposto ai domiciliari, maltratta la madre in casa: la donna lo fa portare in carcere
Detenuto pestato e torturato in carcere a Reggio Calabria, indagati 8 agenti: in 6 sono ai domiciliari
Detenuto pestato e torturato in carcere a Reggio Calabria, indagati 8 agenti: in 6 sono ai domiciliari
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni