Le fiamme, forse provocate da un corto circuito, hanno fatto diversi danni distruggendo alcuni reperti relativi all’attentato alla Morvillo-Falcone di Brindisi, in cui ha perso la vita Melissa Bassi.

L’episodio è di qualche giorno fa ma la notizia è stata diffusa solo da qualche ora: un incendio ha coinvolto il laboratorio della polizia scientifica di Roma, in zona Cinecittà, nessuna persona ha avuto problemi ma le fiamme hanno provocato diversi danni alla struttura e al materiale in essa conservato. I vigili del fuoco sono intervenuti subito nel laboratorio, spegnendo le fiamme e limitando di fatto danni ancor più gravi ma, secondo quanto si apprende, alcuni importanti reperti sono andati comunque distrutti. In particolare, al laboratorio della polizia scientifica di Roma, erano arrivati i reperti relativi all’attentato dello scorso maggio alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi, i resti delle bombe insomma che hanno ucciso Melissa Bassi.

Ma il reperto di Vantaggiato sarebbe stato già analizzato – Da quanto si apprende quello che è andato completamente distrutto era un reperto che comunque era stato già analizzato nei giorni scorsi per cui il suo valore non potrebbe in alcun modo pregiudicare il lavoro investigativo. Per quanto riguarda le cause dell’incendio sembra esclusa la natura dolosa delle fiamme: secondo quanto si apprende, il fuoco sarebbe stato scatenato da un corto circuito.