63 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Gaza, cooperante belga e suo figlio di 7 anni uccisi da un raid israeliano a Rafah

Abdallah Nabhan, cooperante dell’agenzia belga Enabel, e suo figlio Jamal di sette anni sono stati uccisi a seguito di un bombardamento israeliano a Rafah. Morti anche il padre, il fratello e una nipote dell’uomo. Ferita gravemente sua moglie. Il governo belga chiede spiegazioni formali a Tel Aviv.
A cura di Davide Falcioni
63 CONDIVISIONI
Abdallah Nabhan, 33 anni
Abdallah Nabhan, 33 anni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Un operatore umanitario che lavorava a Gaza per conto dell'agenzia belga Enabel, che fornisce supporto alla piccole imprese locali, è morto a seguito di un attacco israeliano a Rafah. A confermarlo la ministra dello sviluppo di Bruxelles, Caroline Gennez. "È con profonda tristezza e orrore che apprendiamo della morte del nostro collega Abdallah Nabhan (33 anni) e di suo figlio Jamal, di sette anni, avvenuta ieri notte, a seguito di un bombardamento da parte dell'esercito israeliano nella parte orientale della città di Rafah", ha affermato la ministra in una nota, aggiungendo inoltre che la la moglie di Abdallah è stata gravemente ferita e sta lottando per la sua sopravvivenza.

Gli altri due figli della coppia (un bambino di 5 anni e un altro di 7 mesi) hanno riportato lesioni più lievi. Nel raid dello stato ebraico hanno perso la vita anche il padre di Abdallah, 65 anni, suo fratello di 35 anni e sua nipote di 6 anni.

La ministra belga ha ricordato che l'uomo faceva parte di una lista di persone idonee a lasciare Gaza, consegnata alle autorità israeliane mesi fa. Anche per questo la funzionaria del governo di Bruxelles ha sottolineato la schiacciante responsabilità del governo israeliano. "Bombardare infrastrutture civili e civili innocenti va contro ogni diritto internazionale e umanitario, così come ogni diritto di guerra". Alle dichiarazioni sono però anche seguiti i primi atti formali: Caroline Gennez ha infatti convocato l'ambasciatore israeliano, Idit Rosenzweig-Abu, chiedendo spiegazioni su quanto accaduto, senza tuttavia ottenere spiegazioni.

L’agenzia belga per lo sviluppo Enabel è attiva nei territori palestinesi (Gaza, Gerusalemme Est e Cisgiordania) da oltre 25 anni. Per i primi dieci anni, la maggior parte dei fondi è andata alle infrastrutture. Successivamente, l’attenzione si è spostata verso il sostegno alle politiche e alla governance.

L'Egitto rilancia i negoziati per una tregua a Gaza

L'esercito israeliano ha informato il governo che le sue forze hanno completato i preparativi per una invasione di Rafah e che la data ora dipende dal gabinetto di guerra. In questo quadro l'Egitto ha rilanciato i negoziati per un cessate il fuoco nel timore che centinaia di migliaia di profughi di guerra palestinesi possano entrare nel Sinai: di conseguenza, secondo quanto rivela il quotidiano israeliano Ynet, Il Cairo sta spingendo per proporre un accordo ad Hamas nella speranza di ottenere il rinvio dell'attacco.

Immagine

L'Egitto starebbe ipotizzando uno scambio su larga scala di ostaggi israeliani in cambio di prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane oltre a una tregua di diverse settimane, proposta che la squadra di mediazione egiziana ha trasmesso ad Hamas prima di informare Tel Aviv. Oltre allo scambio di prigionieri e ostaggi, la proposta egiziana prevede che durante il cessate il fuoco le truppe israeliane si ritirino da vari punti della Striscia e permettano ai palestinesi sfollati di tornare alle loro case nel Nord di Gaza, cosa che Israele ha finora rifiutato.

63 CONDIVISIONI
882 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views