7.651 CONDIVISIONI
Covid 19
23 Giugno 2022
10:00

“Boom di contagi Covid e casi sottostimati, indossate mascherina e vaccinatevi”: l’allarme di Gimbe

Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe lancia l’allarme sulla risalita rapidissima dei casi Covid: “Sono anche sottostimati – commenta il presidente Cartabellotta – ora bisogna ridurre la circolazione virale indossando la mascherina e potenziare la campagna vaccinale”.
A cura di Tommaso Coluzzi
7.651 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Sono bastati pochi giorni per tornare indietro di mesi sul numero dei contagi da Covid. Il bollettino quotidiano non mente, o al massimo sottostima. Dopo diverse settimane di calo dei nuovi casi, infatti, la tendenza si è invertita e il virus è tornato a circolare rapidamente. Secondo il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe questa settimana i nuovi casi sono 255.442 contro i 160.751 della scorsa: un aumento del 58,9%. Il problema, però, è che al di là dei positivi il nuovo aumento dei casi si sta già trasformando in una maggiore pressione sugli ospedali: 206 ricoveri in terapia intensiva contro i 183 della scorsa settimana (più 12,6%); 4.803 malati con sintomi contro i 4.199 della scorsa settimana (più 14,4%). Calano leggermente gli attualmente positivi e le persone in isolamento domiciliare – rispettivamente meno 0,7% e 0,8% – e soprattutto i decessi: sono 337 contro i 416 della scorsa settimana, meno 19%.

Continuano ad aumentare le persone che si reinfettano, così come la circolazione delle nuove varianti Ba.4 e Ba.5. Ma il vero allarme, secondo Gimbe, arriva ancora dalla campagna di vaccinazione, che ormai si è completamente fermata: durante questa settimana si sono vaccinate con la prima dose appena 2.981 persone, mentre i vaccinabili sono oltre quattro milioni. Oltre ai quasi tre milioni che sono temporaneamente protetti per via della guarigione dal Covid.

Capitolo terze dosi: mancano all'appello otto milioni di persone che non hanno ricevuto la dose booster. Stesso discorso per la quarta dose per over 80, over 60 fragili e ospiti delle Rsa: meno di uno su cinque ha deciso di farla.

"La progressiva diffusione delle varianti BA.4 e BA.5 ha contribuito ad una netta ripresa della circolazione virale in tutto il Paese con effetti già evidenti anche sugli ospedali – spiega il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta – Invitiamo alla cautela per almeno tre ragioni: il numero dei positivi è largamente sottostimato per il massiccio utilizzo dei tamponi fai-da-te, è impossibile stimare l’entità di questa risalita d’inizio estate e i tempi per raggiungere il picco e lo stallo della campagna vaccinale ha generato una popolazione attualmente suscettibile all’infezione molto estesa". Perciò è fondamentale "ridurre la circolazione virale, in particolare indossando la mascherina nei locali al chiuso, specialmente se affollati e poco ventilati e in condizioni di grandi assembramenti anche all’aperto". Bisogna anche "potenziare la campagna vaccinale per tutte le persone a rischio di malattia grave, aumentando la copertura con la terza dose negli over 50 e con la quarta dose in tutte le persone vulnerabili incluse nella platea". E conclude: "Bisogna anche evitare di disorientare la popolazione con proposte antiscientifiche e rischiose per la salute pubblica, quale l’abolizione dell’isolamento per i positivi".

7.651 CONDIVISIONI
31361 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni