286 CONDIVISIONI
13 Ottobre 2021
08:29

Batterio nell’acqua, centinaia di persone con vomito e dissenteria in Abruzzo. “Vietato bere dal rubinetto”

Ci sarebbe un batterio termoresistente, il Clostridium perfringens, all’origine dei casi di infezione gastrointestinale registrati a San Valentino in Abruzzo Citeriore e nei paesini limitrofi. Il Comune, che attraverso la Protezione civile aveva già organizzato un servizio di consegna di farmaci e acqua in bottiglia a domicilio, in queste ore sta predisponendo anche un servizio di distribuzione di acqua potabile. Ma le polemiche non si fanno attendere.
A cura di Biagio Chiariello
286 CONDIVISIONI

Oltre 200 casi di gastroenterite, nel giro di tre giorni, tra i residenti di San Valentino in Abruzzo Citeriore, piccolo comune sotto i duemila abitanti in provincia di Pescara. Oltre il 10% della popolazione colpito da sintomi quali dissenteria, vomito e febbre. All'origine dell'emergenza c'è la presenza di un batterio termoresistente, il Clostridium perfringens, nell'acqua potabile, come emerso dalle analisi della Asl. È emerso dalle prime analisi per la verifica della qualità dell’acqua, secondo quanto riferito dal sindaco Antonio D’Angelo, informato telefonicamente dalla Asl di Pescara. Intanto i casi di gastroenteriti sono saliti a circa 250, considerando anche una ventina di episodi nella vicina Scafa.

L'ordinanza: "Vietato bere acqua del rubinetto, non è potabile"

I primi problemi erano stati segnalati nella mattinata di domenica scorsa. In serata erano arrivati già a una cinquantina. Nel mirino è finita subito l'acqua potabile e per questo motivo sono stati eseguiti i controlli del caso, sia da parte del Comune, gestore dell'acquedotto in questione, sia da parte della Asl di Pescara. Ieri, 12 ottobre, coi casi di gastroenteriti saliti a circa 250, è emersa la presenza di un batterio termoresistente. Il Comune, che aveva già organizzato un servizio di consegna di farmaci e acqua in bottiglia a domicilio, ha predisposto un’ordinanza con cui si vieta qualsiasi utilizzo dell’acqua a scopo alimentare, anche se in precedenza bollita. Nel frattempo aspetta di vedere i risultati microbiologici e delle coproculture (le feci) dei pazienti sintomatici della giornata di ieri per capire come rispondere.

Ed è polemica

Ma le polemiche non si fanno attendere. "Il sindaco e l'amministrazione – dice il gruppo consiliare di opposizione ‘Solo passione' – si assumano le loro responsabilità ammettendo il fallimento su tutti i fronti. Si autosospendano dall'incarico e affidino alla protezione civile regionale il governo dell'emergenza". Nel sottolineare che "troppo tempo è passato, si doveva e si poteva intervenire subito" i consiglieri affermano che sindaco e amministrazione ora "si devono preoccupare di rimborsare i cittadini che hanno subito danni fisici, economici e morali". Per l'opposizione, infatti, "siamo alla vigilia di un maxi danno economico. La competenza dell'acqua è in capo all'amministrazione e la responsabilità è del sindaco. Il danno d'immagine è enorme e difficilmente sanabile" concludono.

286 CONDIVISIONI
Maltempo Salento, a Otranto scuole chiuse: bomba d'acqua e allagamenti, persone salvate coi gommoni
Maltempo Salento, a Otranto scuole chiuse: bomba d'acqua e allagamenti, persone salvate coi gommoni
Alta tensione a Rotterdam: polizia spara durante proteste contro lockdown Covid, 2 feriti
Alta tensione a Rotterdam: polizia spara durante proteste contro lockdown Covid, 2 feriti
62 di Videonews
Previsioni meteo 19 novembre, dopo giorni di pioggia torna il sole quasi ovunque
Previsioni meteo 19 novembre, dopo giorni di pioggia torna il sole quasi ovunque
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni