Il cuore di Giorgia Soriano, la ragazza di 18 anni di Bari che giovedì 8 agosto è stata travolta da un’auto, ha cessato di battere. La diciottenne è stata investita mentre era in sella alla sua bicicletta e stava rientrando a casa nel quartiere Santo Spirito; a sbalzarla a terra è stata un’auto che sopraggiungeva nella stessa direzione. La giovane, immediatamente soccorsa e le cui condizioni sono apparse subito gravi, dopo l’incidente è stata sottoposta ad un lungo intervento chirurgico ed è rimasta per due giorni nel reparto di rianimazione in coma cerebrale. A investire la  ragazza è stata un’auto condotta da una donna che era una sua vicina di casa e che si è fermata per soccorrerla. La giovane, cadendo a terra, però, ha urtato violentemente la testa sull'asfalto.

L'automobilista ha raccontato alla polizia locale di non aver visto la bicicletta. Quella in cui è avvenuto l’incidente è una strada ritenuta molto pericolosa perché percorsa da auto che sovente procedono ad alta velocità. Il Comune recentemente ha fatto installare dei cartelli luminosi per invitare gli automobilisti a rallentare. “La giovane vita di una ragazza in bicicletta è stata falciata da un’automobilista. Da residente e mamma di un ragazzo che ogni giorno percorre in bici quel tratto di strada, le chiedo di provvedere con bande rumorose o dossi che facciano rallentare le auto, abituate a sfrecciare”. E' il testo di un appello al sindaco di Bari pubblicato su Facebook da una mamma residente nella via della tragedia. Indagini sono in corso per verificare se la donna che ha investito la ragazza fosse al cellulare.