5.065 CONDIVISIONI
Covid 19
8 Febbraio 2021
08:28

Allarme varianti Covid: scuole chiuse, dad e classi in quarantena in Abruzzo e nelle Marche

In Abruzzo e nelle Marche è allarme varianti Covid anche tra gli studenti. Per questo, gli amministratori locali hanno deciso che da oggi molte scuole resteranno chiuse. Classi in quarantena nei comuni di Tolentino, Pollenza e Castelfidardo; didattica a distanza alle superiori in Abruzzo fino al 21 febbraio, a Pescara le lezioni in presenza sospese in tutti gli istituti.
A cura di Ida Artiaco
5.065 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

In Abruzzo e nelle Marche è allarme per l'aumento di casi legati alle varianti del Covid-19. Una serie di focolai sono stati individuati anche tra gli studenti, il che ha spinto gli amministratori locali a prendere decisioni drastiche per evitare l'ulteriore diffusione del contagio. Molti istituti sono stati chiusi da oggi, lunedì 8 febbraio, altre classi sono state messe in quarantena e altre ancora sono tornate alla didattica a distanza a meno di una decina di giorni dal rientro in classe.

Nelle Marche casi positivi alla cosiddetta variante inglese, caratterizzata da un'alta contagiosità, è stata rilevata tra gli alunni delle scuole di Tolentino, Pollenza e Castelfidardo. Nello specifico, a Tolentino si sono registrati 2 casi certi e un altro di elevato sospetto che coinvolgono anche un lavoratore presso una pelletteria locale, un contagio nella prima media della scuola Vincenzo Monti di Pollenza (Macerata) e altri 3 casi alla scuola Rodari di Castelfidardo (infanzia e primaria), in provincia di Ancona. È quanto ha reso noto la Regione Marche, che, dopo una riunione d'urgenza tra i sindaci interessati, ha disposto tamponi molecolari con drive through, quarantena e e didattica a distanza degli istituti di Tolentino, Lucatelli, Filelfo e Martin Luther King.

Anche in Abruzzo c'è apprensione per i casi di variante inglese. Per questo, sempre da oggi gli studenti delle scuole superiori di secondo grado tornano alla didattica a distanza fino al 21 febbraio e a Pescara le lezioni in presenza sono sospese in tutte le scuole, mentre è stata stabilita la zona rossa per i Comuni di San Giovanni Teatino, Atessa e Tocco da Casauria. Stretto monitoraggio per i Comuni di Chieti e Francavilla al Mare. Gli istituti scolastici superiori devono garantire l’attività didattica in presenza per l’attività laboratoriale e per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali (Bes), come precisato in una nota dell’assessorato all’Istruzione della Regione firmata dall’assessore Pietro Quaresimale e dal direttore del Dipartimento regionale, Claudio Di Giampietro.

5.065 CONDIVISIONI
28173 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni