152 CONDIVISIONI
9 Novembre 2020
13:41

Agguato nel Reggino, morto un ragazzo di 25 anni, ferito il padre

Agguato stamattina ad Africo, nel Reggino, dove un ragazzo di venticinque anni è rimasto ucciso mentre suo padre è rimasto ferito. Movente, nelle ipotesi degli investigatori, una lite per questioni di vicinato. Il contenzioso riguarderebbe alcuni terreni di proprietà del venticinquenne il cui è padre è rimasto ferito.
A cura di Angela Marino
152 CONDIVISIONI

Agguato stamattina ad Africo, nel Reggino, dove Salvatore Pangallo, un ragazzo di venticinque anni è rimasto ucciso a colpi d'arma da fuoco in circostanze oggetto di indagine, mentre suo padre è rimasto ferito. L'omicidio é avvenuto nella traversa di una strada provinciale. A lanciare l'allarme è stata la fidanzata di Pangallo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Bianco, che hanno provveduto a effettuare i rilievi del caso sotto le direttive del sostituto procuratore della procura della Repubblica di Locri, presente sul luogo della tragedia. Le vittime sarebbero padre e figlio. Ancora non si conoscono le condizioni del ferito, trasportato immediatamente in ospedale dopo il ferimento. 

Ancora da chiarire la dinamica dei fatti, ma secondo le informazioni raccolte dagli investigatori, potrebbe trattarsi di una lite familiare. È questa una delle ipotesi su cui stanno lavorando i carabinieri della compagnia di Bianco. Il contenzioso riguarderebbe alcuni terreni di proprietà del venticinquenne il cui è padre è rimasto ferito. Non si esclude che i responsabili possano essere più persone. Stando a una prima ricostruzione, Salvatore Pangallo e il padre sono stati raggiunti da alcuni colpi di pistola al culmine di una lite. Al momento c'è il massimo riserbo da parte degli inquirenti. Fondamentale sarà la testimonianza del padre della vittima, che consentirà di ricostruire quanto è realmente accaduto in queste ore.

Il fatto riporta alla memoria un triste precedente risalente ad agosto 2018, quando a restare ferito in una agguato fu un bimbo di 10 anni. Il piccolo, di nazionalità bulgara, restò coinvolto in un agguato il cui obiettivo era un parente, restando ferito gravemente. In quel caso, tuttavia, la matrice dell'agguato era di natura criminale.

152 CONDIVISIONI
"La camorra è una montagna di merda" parla la mamma di Noemi, ferita a 4 anni in un agguato a Napoli
"La camorra è una montagna di merda" parla la mamma di Noemi, ferita a 4 anni in un agguato a Napoli
Bassano del Grappa, auto si schianta contro un muro: morto un 19enne, feriti due amici
Bassano del Grappa, auto si schianta contro un muro: morto un 19enne, feriti due amici
Tragedia in mare ad Agrigento, barista muore annegato a 25 anni dopo bagno insieme agli amici
Tragedia in mare ad Agrigento, barista muore annegato a 25 anni dopo bagno insieme agli amici
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni