Gran parte della letteratura italiana è ancora pressoché sconosciuta all'estero. Ad eccezione di grandi nomi come Andrea Camilleri, Antonio Tabucchi o Umberto Eco, il mercato editoriale anglofono in particolare è ancora poco interessato alle nostre storie. Nonostante questo, soprattutto dopo l'enorme successo editoriale di Elena Ferrante e della sua saga de "L'amica geniale", entrata addirittura a far parte della classifica dei 10 migliori libri dell'anno del New York Times, molti sono gli esperti che iniziano a chiedere di leggere più romanzi italiani: la scrittrice e giornalista Franca Scurti Simpson ha stilato addirittura una lista, scegliendo quelli che a suo parere sono i libri che meritano di arrivare oltreoceano. Un mix di titoli interessanti, con libri molto recenti ma anche con storie che, a distanza di vent'anni dalla pubblicazione, non hanno avuto ancora il riconoscimento internazionale che spetta loro. Una particolarità di questa lista: gli scrittori che gli inglesi vorrebbero leggere di più, sono tutti donne.

1. Le parole tra noi leggère, di Lalla Romano

Il titolo di questo romanzo pubblicato nel 1969 da Einaudi, vincitore del Premio Strega nello stesso anno, è la citazione esatta di un verso della poesia "Due nel crepuscolo", di Eugenio Montale. Si tratta di un romanzo intenso, che affronta il difficile tema del rapporto madre-figlio. Una storia "feroce" e "travolgente", la definisce la giornalista inglese: il libro esce nel 1969, una data significativa in quanto il tempo è quello della rivolta giovanile: dunque non solo un racconto intima e personale dunque, ma anche calato appieno nella storia. Perché tradurlo? "Vincere un premio così prestigioso come lo Strega indica un livello di merito letterario che va oltre i confini d'Italia".

2. Passaggio in ombra, di Mariateresa Di Lascia

Quando aveva pensato a cosa sarebbe stata la sua vita, a quale forma si sarebbe piegata ad avere, se mai ne avesse avuta una, aveva sentito qualcosa ribellarsi dentro sé, come per una insopportabile imposizione. Allora aveva avuto un solo desiderio: conservare il più a lungo possibile, forse per sempre la libertà di non avere nessuna forma.

Il libro è stato pubblicato da Feltrinelli nel 1995, un anno dopo la prematura scomparsa dell'autrice. Un altro Premio Strega, quello di Mariateresa di Lascia, per "Passaggio in ombra". Il romanzo è ambientato nel Sud Italia, e racconta la storia di Chiara, una donna ormai vecchia che si trova a rivivere episodi passati e a rivalutare relazioni e decisioni. Proprio l'ambientazione e il carattere intimistico del libro sono il motivo per il quale gli inglesi vorrebbero vederlo tradotto: paragonata ad Elsa Morante, l'autrice entra a buon diritto in questa classifica.

3. Il Comandante del fiume, di  Ubah Cristina Ali Farah

Scritto da una donna di origini somale, il romanzo riporta in modo originale il mondo sconosciuto e segreto delle tradizioni somale. Il protagonista ha diciotto anni, poca voglia di studiare e molta di provocare: Yabar vive a Roma con la madre, Zahra, e il padre li ha abbandonati tanti anni prima. Il ragazzo intraprenderà un viaggio che lo porterà a riscoprire le sue origini, ma anche un terribile segreto di famiglia.

"Nonostante le orribili immagini delle barche di immigrati rovesciate nelle acque italiane, l'Italia è diventata più di una società poliglotta negli ultimi due decenni". Ubah Cristina Ali Farah è somala, cresciuta a Mogadiscio fino alla guerra che ha costretto lei e la sua famiglia a fuggire: il suo punto di vista è unico, "e le storie che ha da condividere sono quelli che il mondo ha bisogno di leggere".

4. Il Silenzio del Lottatore, di Rossella Milone

La raccolta di racconti della Milone, pubblicata nel 2015 da Minimum Fax, si colloca in un filone molto particolare ed attuale: molte delle storie, sono storie di donne aggredite, o che hanno subito violenza. Un discorso, purtroppo, sempre attuale. Tradurlo significherebbe riconoscere Rossella Milone come parte di una generazione di scrittrici che riportano la realtà al di fuori, e per le quali i romanzi e i racconti sono uno strumento potente per combattere.

5. Trotula, di Paola Presciuttini

Il romanzo del 2013, pubblicato da Meridiano Zero, racconta la storia di Trotula, la prima donna ammessa alla Scuola Medica di Salerno, intorno all'anno 1000 d.C. La vicenda è ambientata in un momento in cui la medicina moderna era ancora nella sua infanzia, e quando il dogma religioso impediva molte pratiche mediche: la figura di Trotula mette in discussione il paradigma precostituito, e attraverso una storia lontana, di centinaia di anni fa, indaga molto più a fondo la condizione femminile di qualunque trattato o saggio contemporaneo.

"Il libro si rivolge a quei lettori che sono interessati a un punto di vista storico, ma anche femminile. Vi è infatti una crescente consapevolezza che il ruolo delle donne nella storia è stato pesantemente modificato, e che molte donne che hanno dato contributi straordinari in molti campi sono stati effettivamente dimenticate e iscritte fuori dalla storia".