Triplice omicidio nella nobiltà austriaca. Il conte Anton von Goess, cinquantaquattro anni, è stato arrestato venerdì dalla polizia. È ritenuto l'omicida del padre, il conte novantaduenne Ulrich von Goess, della seconda moglie di lui Margherita Cassis Faraone, ottantasettenne friulana di Terzo di Aquileia (Udine), e di un altro figlio del conte, Ernst. Il Messaggero Veneto, riportando la notizia, scrive che il triplice omicidio sarebbe avvenuto a Mistelbach, in Austria, nell'antica dimora di Bockfliess, di proprietà di Ulrich von Goess. I fatti, si legge sui media austriaci, risalgono a giovedì 13 dicembre. Secondo quanto riporta il sito del quotidiano friulano, il presunto assassino è il figlio maggiore di Ulrich e della sua prima moglie, Maria von Abensberg und Traun, anche lei contessa.

Trovato un fucile da caccia – Sul luogo del delitto, stando alle prime informazioni trapelate, sarebbe stato trovato un fucile da caccia, che potrebbe essere l'arma con cui il conte ha ucciso i familiari. L’uomo avrebbe esploso 5 colpi. Secondo i primi accertamenti, gli investigatori non escluderebbero, tra le varie piste di indagine che stanno seguendo, un movente di natura economica e dispute familiari. Dopo l'interrogatorio Anton von Goess è stato trasferito in carcere. Sui corpi delle vittime la settimana prossima verrà effettuata l'autosia.

Terzo di Aquileia piange la sua benefattrice – La notizia della morte di Margherita Cassis Faraone si è diffusa rapidamente nella Bassa friulana e nel piccolo comune di Terzo di Aquileia, dove la contessa aveva una villa in pieno centro. Come ricordano i quotidiani locali, Margherita Cassis Faraone oltre a sostenere varie iniziative culturali è stata anche per diversi anni presidente dell'Associazione nazionale per Aquileia. Viene ricordata come una donna di grande cultura che spesso tornava nella sua villa nella provincia di Udine.