2.073 CONDIVISIONI
8 Novembre 2021
13:30

Il web è donna: cinque content creator si raccontano

Artiste, imprenditrici digitali, lavoratrici autonome ma soprattutto content creator. Cosa significa oggi affermarsi su YouTube per le donne? Cinque esperienze diverse raccontate da altrettante youtuber nella live YOUTUBher di mercoledì 10 novembre a partire dalle 17:30.
A cura di Ciaopeople Studios
2.073 CONDIVISIONI

La diffusione di internet come strumento radicato nella nostra quotidianità ha ampliato moltissimo le possibilità di lavoro e con un po' di creatività ormai sui social si può avviare davvero qualsiasi tipo di business. Sono tante le donne che ogni anno, infatti, seguono la loro parte più creativa e con coraggio e determinazione iniziano a raccontarsi sul web, esplorando il mondo dello storytelling e radunando intorno a sé decine di migliaia di persone. Impossibile definirle in un solo modo, perché oltre a condividere la propria vita sulla rete intrattengono e creano contenuti per la community: un po' influencer, un po' divulgatrici, ma anche artiste e imprenditrici di se stesse. La voce femminile sul web dimostra di essere fortissima e in crescita e può diventare un esempio di empowerment al di là di ogni pregiudizio.

Esperienze a confronto:

A parlare del proprio percorso nella live di Fanpage.it in collaborazione con Youtube saranno Loretta Grace (Grace On Your Dash), Sara Bigatti (La Scimmia Yoga), Fjona Cakalli (Tech Princess), Shanti Winiger (Shanti) e Francesca Presentini (Fraffrog): creatrici dal grande seguito e dalle storie variegate. Se Loretta è da sempre promotrice della diversity & inclusion con il suo lavoro soprattutto nell'ambito beauty, Shanti ha mosso i suoi passi sul web normalizzando la cura della salute mentale, la sessualità vissuta senza tabù e l'essere fino in fondo se stesse senza paura dei giudizi. Fraffrog in un colpo solo colpisce e affonda più stereotipi: illustratrice, montatrice, animatrice… proprio a sottolineare che le donne sono brave in ogni settore, anche in quello tecnologico, come ribadisce la principessa del tech Fjona. Anche l'esperienza di Sara nel mondo dello yoga è degno di nota: con la sua community di oltre 400mila iscritti porta da anni il benessere fisico e spirituale nello schermo di chiunque abbia voglia di esplorare la magia di questo mondo.

Tempo e costanza:

Come per ogni lavoro alla base c'è la dedizione che ogni content creator dedica a YouTube per poi affondare in tantissime altre attività: non c'è solo la parte creativa di ideazione del contenuto, ma il processo di realizzazione, la condivisione e poi i momenti di interazione con la community. Tra commenti, notifiche e possibilità di andare in onda in diretta la piattaforma offre ormai tantissimi strumenti per arrivare a più persone possibili, rendendo il rapporto alla pari e arricchente sia per chi si racconta che per chi ascolta e si affeziona ai creator a sé più affini. Insomma, online la “YOUTUBher” diventa un punto di riferimento per i propri follower ma al tempo stesso affina le proprie competenze in più ambiti diventando un'imprenditrice a tutto tondo.

YOUTUBher

Nella diretta di mercoledì 10 novembre si parlerà non solo dei progetti soggettivi e delle sfide che si sono trovate ad affrontare ognuna delle creator protagoniste, ma anche e soprattutto di come iniziare a creare su Youtube, affinché tutte le donne possano sentirsi ispirate a diventare le star della piattaforma. Un modo, questo, per raccontare quello che si nasconde dietro un lavoro nuovo ma ricco di opportunità e incentivare le donne a puntare sull'unicità della propria storia e dei propri talenti. L'appuntamento è sul canale Youtube di Fanpage.it a partire dalle 17:30.

2.073 CONDIVISIONI
Le nuove vite degli orfani di Rigopiano a cinque anni dalla valanga
Le nuove vite degli orfani di Rigopiano a cinque anni dalla valanga
Conosciamo le Eterobasiche: "Vogliamo ridere degli stereotipi maschili assieme a loro"
Conosciamo le Eterobasiche: "Vogliamo ridere degli stereotipi maschili assieme a loro"
38.698 di Daniele Napolitano
Perché non basta candidare una donna per avere una femminista al Quirinale
Perché non basta candidare una donna per avere una femminista al Quirinale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni